Seguici sui Social

Politica

Ungaro si dimette, ora il centrodestra non ha più alibi

Pubblicato

il


Nel tardo pomeriggio ha fatto visita a Palazzo Farnese, mantenendo fede a quanto annunciato nel corso delle prime consultazioni per il rimpasto di giunta. Vincenzo Ungaro ha rimesso ufficialmente il suo mandato di presidente del Consiglio nelle mani del sindaco Gaetano Cimmino. Un appuntamento rimandato soltanto per problemi di salute e che questa sera ha messo la parola fine alle voci incontrollate su una rottura tra il primo cittadino e l’alleato storico. Una scelta, quella di Ungaro, condivisa anche da Paolo Russo, riferimento nazionale del presidente del consiglio dimissionario.

Ora si apre la fase decisiva per il rimpasto di giunta. Adesso la maggioranza di centrodestra non ha più alibi per rinviare l’accordo finale. Da oltre un mese sono in atto le trattative e tutte le decisioni più importanti sono state rinviate a dopo la verifica politica. Non c’è più tempo. Fate presto!

LEGGI  Pronto soccorso nel caos, arriva l'interrogazione di Longobardi

Daniele Di Martino 


Politica

Affidamenti diretti, indagano gli 007. Inchiesta partita nel 2018: nel mirino anche un aspirante assessore

Pubblicato

il

Somme urgenze e affidamenti diretti. Nel mirino degli investigatori sono finiti gli atti con cui sono stati affidati appalti sotto soglia. Nelle ultime settimane sono state acquisite a Palazzo Farnese le documentazioni relative soprattutto alle somme urgenze. D’altronde il grido dall’allarme è stato lanciato, ancor prima dello scoppio della pandemia, dai banchi dell’opposizione. Diverse denunce pubbliche sull’uso degli affidamenti diretti, che poi con l’emergenza Covid sono continuati.

L’Inchiesta della Procura di Torre Annunziata è a 360 gradi sui comuni «caldi» della fascia costiera. Non a caso la prima operazione è scattata proprio a Torre Annunziata con l’arresto di un dirigente comunale. Da lì la necessità di verifiche a tappeto negli uffici tecnici e quindi anche negli uffici pubblici di Castellammare. I raid notturni di questi giorni potrebbero rivelarsi connessi proprio alle recenti indagini.

I riflettori degli investigatori, però, si sono già concentrati a partire dal 2018 sugli affidamenti di Palazzo Farnese. In una lunga e dettagliata informativa, legata all’inchiesta che ha portato agli arresti di politici, tecnici e imprenditori sul caso Cirio, sono finiti sotto la lente proprio costruttori e politici. Telefonate o conversazioni criptate da ambientali in cui si ammetteva, candidamente, di aver avuto rassicurazioni di svolgere lavori di somma urgenza per la messa in sicurezza dei plessi scolastici. Conversazioni in cui compaiono anche esponenti dell’attuale maggioranza di Palazzo Farnese, uno dei quali anche in odore di nomina in giunta nel recente rimpasto in giunta.

Un’informativa che mette insieme il sottobosco della politica e l’imprenditoria locale, i cui esponenti sono sorpresi amabilmente a conversare di fondi europei e su come dirottarli.

Daniele Di Martino

LEGGI  In Campania solo 18 contagi. Si va verso la fase 2
Continua a leggere