Seguici sui Social

Calcio

Juve Stabia, i convocati per il Teramo: c’è un nuovo caso di positività

Pubblicato

il


La S.S. Juve Stabia comunica che l’ultima serie di tamponi, ai quali si è sottoposto il gruppo squadra, ha evidenziato una positività al COVID-19. Il tesserato è in isolamento fiduciario. La S.S. Juve Stabia si è subito attivata per il rispetto di ogni adempimento previsto dalle disposizioni di legge e dal protocollo federale.

Al termine della seduta di questa mattina, il tecnico Pasquale Padalino ha reso nota la lista dei 18 calciatori convocati per il match Juve Stabia-Teramo, valevole per la 26a giornata del campionato di Lega Pro, in programma domani, domenica 21 febbraio 2021, con inizio alle ore 17:30 presso lo stadio Romeo Menti di Castellammare di Stabia.

LEGGI  Emergenza Coronavirus, la solidarietà corre su WhatsApp

Portieri: Lazzari, Russo.

Difensori: Caldore, Elizalde, Esposito, Garattoni, Mulè, Oliva, Troest.

Centrocampisti: Berardocco, Guarracino, Scaccabarozzi, Suciu, Vallocchia.

Attaccanti: Borrelli, Fantacci, Marotta, Ripa.

Indisponibili: Bovo, Cernigoi, Farroni, Fioravanti, Iannoni, Lia, Mastalli, Orlando, Rizzo.

Squalificati: –

S.S. Juve Stabia


Calcio

Juve Stabia, l’arma in più di mister Padalino: Jacopo Scaccabarozzi

Pubblicato

il

jacopo scaccabarozzi

Coesione di gruppo, idee di gioco importanti e uno Scaccabarozzi sempre più decisivo: la Juve Stabia continua a migliorare.

Sono passate diverse settimane dalla famosa rivoluzione d’inverno attuata dalla Juve Stabia sul mercato di gennaio. Tante cessioni, tanti acquisti, squadra completamente rimaneggiata. L’unico uomo che ha continuato il suo lavoro senza fiatare è stato uno: mister Pasquale Padalino. Tanti i rumors societari, tanti mugugni intorno all’ambiente. Lui è rimasto al timone della barca, senza aver paura del vento e della tempesta all’orizzonte e ha continuato a far giocare la sua “nuova squadra”.

Sono arrivati giocatori importanti e funzionali, ma ne sono rimasti anche tanti altri che ormai da mesi formano il cuore della Juve Stabia. Luca Berardocco, Andrea Vallocchia e Jacopo Scaccabarozzi su tutti. Quest’ultimo merita una menzione particolare. Una mezzala così duttile a Castellammare non si vedeva da tanti anni. Anche il tecnico ex Foggia, prima della partita con il Teramo ha sottolineato questo aspetto: “Scaccabarozzi si è rivelato un calciatore duttile, con la capacità di saper interpretare una serie di ruoli. Con il nuovo modulo ha una posizione di vantaggio, il che ci aiuta vista anche l’assenza di Garattoni. Lo stesso vale per i nuovi innesti del reparto difensivo. Ma sono tutte valutazioni che facciamo in modo attento cercando di sbagliare il meno possibile.”

Un centrocampista bravo a inserirsi a fari spenti in area di rigore avversaria, bravo a gestire il pallone e i tempi, ma anche e soprattutto fortissimo atleticamente. Questa qualità gli ha permesso di cambiare ruolo in queste ultime settimane e di diventare un forte esterno di centrocampo. Con Garattoni a mezzo servizio e Lia sempre in infermeria, Padalino ha chiesto la sua disponibilità e ha ricevuto solo risposte positive. In questo momento la Juve Stabia non può far a meno di pochi calciatori, uno di questi è sicuramente Scaccabarozzi. Quando lui è in campo la Juve Stabia ha una forza, quando manca le Vespe soffrono parecchio.

LEGGI  Juve Stabia, Langella: "Piena fiducia in Caserta, presto parleremo del rinnovo"

Questo non vuol dire, però, che il suo ruolo rimarrà fino alla fine della stagione questo qui. Appena rientrerà in condizione Garattoni, Scaccabarozzi tornerà in mezzo al campo ad aiutare i suoi colleghi di centrocampo. Ma al momento la situazione è questa, anche in un ruolo non suo, Jacopo, è determinante. Lo ha dimostrato nelle ultime setttimane e ancora una volta, oltre ad elogiare la sua duttilità, va anche dato merito a un allenatore criticato troppo spesso. Quanti in Italia, ma soprattutto in Serie C, avrebbero cambiato il proprio credo calcistico per il bene della piazza? Pochissimi. Lui lo ha fatto e sta facendo un lavoro migliore rispetto all’inizio della stagione con il suo modulo preferito. Il merito, certo, va condiviso con i ragazzi. Senza la loro voglia di svoltare e di credere nelle idee del proprio mister, lo stesso mister avrebbe fatto tanta fatica. E questa è una chiave di lettura importante: il gruppo si è ricompattato da un mese a questa parte e potrà a dare fastidio a tutte le altre squadre fino a maggio. Perché la posizione giusta per questa Juve Stabia è alle spalle di Ternana, Avellino e Bari. Tutte le altre non sono più forti e magari la post season ci darà risposte importante in questo senso.

Continua a leggere