Seguici sui Social

Cronaca

«Grazie ai miei angeli del Covid residence», la lettera commovente di una donna indiana

Accolta nella struttura dell’Asl Napoli 3, ha voluto ringraziare gli operatori con una missiva

Pubblicato

il

«grazie ai miei angeli del covid residence»

«Sono stata accolta con professionalità e gentilezza, mi sono sentita come a casa». Ha scelto di scrivere una lettera per ringraziare gli operatori del Covid residence di Saviano, voluto dalla direzione strategica dell’Asl, l’unico rimasto in attività tra le aziende sanitarie della Campania. La missiva porta la firma di Chiara, una giovane donna italo-indiana, che aveva fatto rientro a Napoli dopo tanti anni e proveniente proprio dall’India, dove la variante indiana sta facendo tantissime vittime.

«grazie ai miei angeli del covid residence»

Al suo arrivo all’aeroporto, per neutralizzare la variante le autorità (come da prassi) hanno disposto un periodo di quarantena e non avendo nella disponibilità un alloggio, l’Asl ha aperto le porte del Covid residence di Saviano, diretto dal dottor Antonio Coppola. Un soggiorno che la donna di origini indiane ha vissuto tra le attenzioni degli operatori, lasciando una testimonianza di una «buona sanità». Per questo ha voluto ringraziare con una lettera i dipendenti della struttura e i responsabili del Covid residence. Prima di andare via ha consegnato poche righe per mostrare tutta la sua riconoscenza: «Sono stata coccolata. E’ stato un piacere veder lavorare dei miei compaesani con entusiasmo e dedizione verso chi ne avesse bisogno». Un’esperienza che Chiara ricorderà per sempre.

dadimar


Pubblicità

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com