Seguici sui Social

Attualità

Impresa femminile e under 35: le agevolazioni per giovani e donne

Pubblicato

il

Impresa femminile contributi

Un’idea imprenditoriale valida e un progetto d’impresa solido sono la base di ogni azienda che funziona. Ma per partire, benché indispensabili, questi due elementi potrebbero non essere sufficienti: sono necessarie anche adeguate risorse economiche.

Ecco che, in questo quadro, si inseriscono gli incentivi di Invitalia, l’agenzia per lo sviluppo del MISE, destinati principalmente a giovani under 35 e alle donne che vogliamo dare vita a un’impresa. In alcuni casi, la forbice dell’età s’allarga, arrivando a coinvolgere anche persone più mature.
Tra le principali misure proposte, troviamo Resto al Sud e Nuove imprese a tasso zero.

Resto al Sud è una misura studiata per gli imprenditori del Sud Italia con un età massima di 55 anni. Possono far domanda i residenti in Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria, Sicilia, Sardegna e nelle aree del Centro Italia colpite dai terremoti del 2016 e del 2017. I richiedenti possono ottenere fino a 60mila euro, in parte come contributo a fondo perduto, in parte sotto forma di finanziamento agevolato (8 anni a tasso zero).  Il progetto coinvolge le imprese dei settori agricoltura, artigianato, industria, turismo, pesca e acquacoltura e servizi a favore delle imprese e e delle persone. Il contributo finanziato andrà a coprire le spese per ristrutturazione e manutenzione di immobili, l’acquisto di macchinari, attrezzature e impianti, programmi informatici e IC e i costi per avviare l’attività d’impresa (materie prime, affitti, leasing, assicurazioni, etc.).

Nuove imprese a tasso zero, invece, si rivolge a giovani e donne che vogliano creare micro e piccole imprese in tutto il territorio italiano. Così come Resto al Sud, questa misura prevede una parte a fondo perduto e una parte sotto forma di finanziamento agevolato, con spese fino a 3 milioni di euro e copertura fino al 90% delle spese ammissibili. Sono previsti anche servizi di tutoring.
Le imprese ammesse dalla misura possono essere dei settori più disparati: produzione di beni nei settori industria e artigianato, fornitura di servizi a imprese e alle persone, progetti innovativi, attività turistiche e culturali. Le imprese, per partecipare, devono essere costituite in prevalenza da giovani under 36 oppure da donne senza alcun limite di età. La valutazione della domanda avviene a sportello secondo l’ordine di arrivo: se concesso, i programmi di investimento devono durare al massimo due anni.

Per ottenere i finanziamenti previsti dalle due misure, bisogna compilare correttamente la domanda in tutte le sue parti e allegare documenti che attestino la sostenibilità del progetto d’impresa (business plan, strategie e analisi del mercato di riferimento, descrizione dell’attività proposta). L’assenza dei documenti necessari o una domanda compilata solo in parte possono inficiare la domanda. Se si hanno dubbi, perplessità e non si vuole correre il rischio di presentare domande incomplete, è buona norma rivolgersi a società esperte di finanziamenti agevolati per le imprese: tra queste, troviamo Contributi PMI, team di professionisti specializzati in finanza agevolata, per aumentare le possibilità di avere il finanziamento necessario a far partire la propria impresa.

Scegliere i giusti consulenti consentirà di presentare una domanda completa e dare finalmente concretezza alla propria idea di business.


Pubblicità

Attualità

Una stabiese a The Voice Senior su Rai Uno

Pubblicato

il

Impresa femminile contributi

Successo per Ondina Sannino che entra in squadra con Gigi D’Alessio

Una stabiese in onda in prima serata su Rai Uno. Anna Sannino, in arte Ondina, partecipa a The Voice, il programma condotto da Antonella Clerici dove i giudici, Gigi D’ Alessio, Clementino, Loredana Bertè ed i Ricchi e Poveri dovranno scegliere gli artisti in gara per la propria squadra e prepararli per la finale dove poi potranno essere votati al televoto.

Voce soave, la stabiese incanta i giudici. Subito “si girano” per corteggiarla e farla entrare nella propria squadra i Ricchi e Poveri e Gigi D’ Alessio, poi Clementino.

Alla fine, con il complimento di Gigi D’ Alessio che la definisce artisticamente “uno tsunami non un’ ondina”, la stabiese sceglie D’Alessio.

Appuntamento quindi alle prossime puntate su Rai Uno per sostenere una stabiese in gara che potrà portare alto il nome di Castellammare di Stabia.

Continua a leggere

Politica

Il vescovo Alfano sfida la camorra: “Diciamo no al male”

Pubblicato

il

Impresa femminile contributi

Dopo tre anni ritorna la processione di San Catello. La prima dopo lo scioglimento per camorra del consiglio comunale di Castellammare di Stabia. Un tema che lo stesso vescovo, don Franco Alfano, ha voluto affrontare nel corso della manifestazione religiosa in onore del santo Patrono

“Viviamo oggi un momento di preghiera e di festa comune. Qui, in questa storica realtà, ribadiamo la necessità di un lavoro dignitoso rispettoso e possibile per tutti. In questo luogo che da secoli rappresenta un vanto per Castellammare di Stabia, vogliamo guardare al futuro e non sognarlo in modo astratto, ma impegnandoci davanti all’immagine di San Catello che ci accompagna da millenni. Diciamo no al male in tutte le sue forme, diciamo no a chi fa gli interessi solo di alcuni. Diciamo sì alla giustizia, alla libertà e alla pace. Cambiamo la nostra mentalità, basta lamentarsi, l’accettazione silenziosa non va più bene” sono le parole di Don Franco Alfano.

La processione è proseguita nel centro antico della città e come di consueto i fedeli si sono fatti trovare pronti agli angoli delle strade per attendere il santo. “Il suono delle campane ci ricorda il bisogno di riprovarci insieme come famiglia unita. Ogni tanto lungo la strada appariva il sole, quella luce c’è anche quando non si vede e può illuminarci la strada per un futuro migliore. Facciamo tutti la nostra parte, la città deve risorgere con l’intercessione del Santo Patrono e la Benedizione di Dio”, conclude il vescovo.

Continua a leggere

Cronaca

Allerta meteo infinita: altro week end di maltempo

Pubblicato

il

Impresa femminile contributi

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo di colore Arancione con validità a partire dalle 12 di domani, venerdì 20 gennaio e scadenza alle 8 di sabato 21 gennaio.

L’avviso segue quello attualmente in atto che terminerà alle 9 di domani mattina, ma riguarda una nuova perturbazione che interesserà la regione, causando un repentino peggioramento delle condizioni meteo, in successiva, rapida evoluzione.

I fenomeni più intensi (vento, temporali e nevicate) saranno localmente molto rilevanti, e si evolveranno lungo la giornata di venerdì, per diminuire di intensità rapidamente, a partire già dalla stessa nottata di venerdì.

Si abbasseranno le temperature sull’intero territorio regionale e si verificheranno anche nevicate e gelate.

Su tutto il territorio regionale i venti saranno molto forti con raffiche meridionali e in rotazione fino ai quadranti settentrionali. Il mare si presenterà molto agitato o grosso con mareggiate lungo le coste esposte.

Sulle zone interne neve già intorno ai 400 metri, con accumuli al suolo localmente moderati.

Per quanto riguarda la sola criticità idrogeologica l’avviso meteo differenzia la fascia costiera, dove il livello di allerta è Arancione dalle zone interne, dove il colore di riferimento è il Giallo.

Come è noto i colori identificano esclusivamente il tipo di rischio derivante da piogge e temporali, ossia il previsto impatto al suolo delle precipitazioni.

In particolare, sulla fascia costiera della Campania si prevedono temporali diffusi anche di forte intensità e per questo il tipo di rischio associato è Idrogeologico diffuso con possibili fenomeni di instabilità di versante, localmente anche profonda, frane superficiali e colate rapide di fango o detriti oltre che significativi ruscellamenti, anche con trasporto di materiale, voragini per fenomeni di erosione, allagamenti, esondazioni, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

Sulle zone interne, invece, le precipitazioni sparse potranno avere carattere di rovescio o isolato temporale: per questo il tipo di rischio associato è di tipo Idrogeologico localizzato e il livello di allerta è Giallo. Sono possibili comunque allagamenti, ruscellamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

Su tutto il territorio, incluse le zone dove vige il giallo, potranno verificarsi caduta massi e occasionali fenomeni franosi legati a condizioni particolarmente fragili, anche per la saturazione dei suoli.

La Protezione Civile della Regione Campania richiama i Sindaci di tutti i Comuni alla massima attenzione, anche in considerazione della situazione fortemente compromessa dalle precipitazioni di questi giorni.

Si raccomanda l’attivazione dei COC (Centri Operativi Comunali), la predisposizione di tutte le misure atte a prevenire, contrastare e mitigare i fenomeni attesi, anche in linea con i rispettivi piani di protezione civile.

Si prega di verificare su tutto il territorio la corretta tenuta del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso.

In considerazione dell’arrivo di nevicate già a quota 400 mt, si invitano le autorità competenti a dotarsi di mezzi spargisale.

Continua a leggere

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.