Seguici sui Social

Attualità

Impresa femminile e under 35: le agevolazioni per giovani e donne


Pubblicato

il

Un’idea imprenditoriale valida e un progetto d’impresa solido sono la base di ogni azienda che funziona. Ma per partire, benché indispensabili, questi due elementi potrebbero non essere sufficienti: sono necessarie anche adeguate risorse economiche.

Ecco che, in questo quadro, si inseriscono gli incentivi di Invitalia, l’agenzia per lo sviluppo del MISE, destinati principalmente a giovani under 35 e alle donne che vogliamo dare vita a un’impresa. In alcuni casi, la forbice dell’età s’allarga, arrivando a coinvolgere anche persone più mature.
Tra le principali misure proposte, troviamo Resto al Sud e Nuove imprese a tasso zero.

Resto al Sud è una misura studiata per gli imprenditori del Sud Italia con un età massima di 55 anni. Possono far domanda i residenti in Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria, Sicilia, Sardegna e nelle aree del Centro Italia colpite dai terremoti del 2016 e del 2017. I richiedenti possono ottenere fino a 60mila euro, in parte come contributo a fondo perduto, in parte sotto forma di finanziamento agevolato (8 anni a tasso zero).  Il progetto coinvolge le imprese dei settori agricoltura, artigianato, industria, turismo, pesca e acquacoltura e servizi a favore delle imprese e e delle persone. Il contributo finanziato andrà a coprire le spese per ristrutturazione e manutenzione di immobili, l’acquisto di macchinari, attrezzature e impianti, programmi informatici e IC e i costi per avviare l’attività d’impresa (materie prime, affitti, leasing, assicurazioni, etc.).

Nuove imprese a tasso zero, invece, si rivolge a giovani e donne che vogliano creare micro e piccole imprese in tutto il territorio italiano. Così come Resto al Sud, questa misura prevede una parte a fondo perduto e una parte sotto forma di finanziamento agevolato, con spese fino a 3 milioni di euro e copertura fino al 90% delle spese ammissibili. Sono previsti anche servizi di tutoring.
Le imprese ammesse dalla misura possono essere dei settori più disparati: produzione di beni nei settori industria e artigianato, fornitura di servizi a imprese e alle persone, progetti innovativi, attività turistiche e culturali. Le imprese, per partecipare, devono essere costituite in prevalenza da giovani under 36 oppure da donne senza alcun limite di età. La valutazione della domanda avviene a sportello secondo l’ordine di arrivo: se concesso, i programmi di investimento devono durare al massimo due anni.

Per ottenere i finanziamenti previsti dalle due misure, bisogna compilare correttamente la domanda in tutte le sue parti e allegare documenti che attestino la sostenibilità del progetto d’impresa (business plan, strategie e analisi del mercato di riferimento, descrizione dell’attività proposta). L’assenza dei documenti necessari o una domanda compilata solo in parte possono inficiare la domanda. Se si hanno dubbi, perplessità e non si vuole correre il rischio di presentare domande incomplete, è buona norma rivolgersi a società esperte di finanziamenti agevolati per le imprese: tra queste, troviamo Contributi PMI, team di professionisti specializzati in finanza agevolata, per aumentare le possibilità di avere il finanziamento necessario a far partire la propria impresa.

Scegliere i giusti consulenti consentirà di presentare una domanda completa e dare finalmente concretezza alla propria idea di business.


Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

«Racconti a colori», il libro scritto dai bambini per i «piccoli in corsia»

La presentazione al Palazzetto del Mare a Castellammare di Stabia

Pubblicato

il


Si è tenuta il 2 settembre al Palazzetto del Mare la presentazione del libro “Racconti a colori”, ultimo progetto editoriale dell’associazione Nasi Rossi Clown Therapy che in collaborazione col Forum dei giovani di Castellammare di Stabia ha dato vita ad una serata ricca di emozioni.
“Racconti a colori” è il risultato di una bellissima esperienza di dono: un libro scritto da bambini, illustrato da bambini e destinato ai bambini. Un lavoro di squadra, un impegno sinergico tra i volontari dell’associazione ‘Nasi Rossi Clown Therapy’, la scuola coinvolta nel progetto, l’Istituto Comprensivo Eduardo De Filippo di Sant’Egidio del Monte Albino, l’Ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, le docenti e i tanti bambini della scuola primaria che hanno partecipato con entusiasmo.
La serata, coordinata da Federica Schettino socia del Forum dei Giovani, ha ricalcato l’importanza del Dono come gesto d’amore gratuito e incondizionato così come ricordato da Don Salvatore Abagnale, parroco della Chiesa dello Spirito Santo di Castellammare di Stabia che da sempre è attento e vicino a tutte le iniziative sociali; Francesca Colombo presidente dell’Associazione Nasi Rossi Clown Therapy ha portato l’attenzione alla bellezza della fragilità umana, al ruolo del clown così buffo ed essenziale, che solo quando cade crea il suo spettacolo più bello; infine la Dottoressa Rosanna Di Concilio, responsabile di ematologia e oncologia pediatrica dell’Ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, ha emozionato con la sua testimonianza di vita, di chi ogni giorno combatte accanto alle sofferenze dei bambini e cerca, tramite associazioni come quella dei Nasi Rossi Clown Therapy, di rendere meno traumatico il ricovero ospedaliero.
Importante e bella la presenza dell’amico Desiderio D’Amato Presidente dell’Associazione Young Space,a favore dei giovani e da sempre a supporto dei bambini.
Il libro “Racconti a colori” rientra nel progetto “Favolando in corsia”. Hanno collaborato alla buona riuscita del progetto: Antonio Marziale già Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria, che ha curato la prefazione e il Rotary club Scafati – Angri Realvalle che ha sostenuto il progetto e reso possibile la sua realizzazione. ‘Favolando in corsia’ è un progetto rivolto a bambini ospedalizzati e ai bambini della scuola primaria, orientato a sviluppare e potenziare negli stessi la creatività e l’amore per il libro e la lettura. Invogliare i bambini a scrivere favole permette di trasmettere valori, sensibilità e consente di favorire e stimolare l’immaginazione, motore della creatività.

Continua a leggere

Trending