Seguici sui Social

Cronaca

PUM, Cimmino: «Nessun passo indietro, si farà»

Il Sindaco interviene dopo la rimozione dei new jersey in Viale Puglia

Pubblicato

il

Cimmino


Castellammare di Stabia. «Nessun passo indietro sul Piano Urbano di Mobilità». A dirlo è il Sindaco Gaetano Cimmino che interviene dopo la rimozione dei new jersey su Viale Puglia introdotti proprio nell’ambito del nuovo piano di mobilità voluto dall’ex assessore Gianpaolo Scafarto. «Nessuna retromarcia» rassicura il primo cittadino stabiese confermando la volontà di rendere esecutivo il piano che «sarà attuato senza se e senza ma».

«La decisione – spiega Cimmino – di rimuovere i new jersey da via Marconi, condivisa con Ascom, albergatori e associazioni di categoria, è una modifica studiata per la Ztl estiva e adottata per agevolare l’accesso ai parcheggi. Ma la nostra ferma volontà è descritta nel dettaglio all’interno della delibera di giunta n.70 del 29 luglio 2020, che non è mai stata revocata e che presto diventerà pienamente esecutiva. Un piano studiato da tecnici ed esperti che hanno analizzato i flussi veicolari in città per migliorare la viabilità, i parcheggi e l’accoglienza turistica. Un piano che ci consentirà di aprire la città ai pedoni, riducendo drasticamente il traffico e lo smog. Il pum è un progetto ambizioso, che non si può certo attuare dalla sera al mattino: dovremo completare le opere già appaltate per l’installazione dei varchi e delle telecamere, approvate di recente dal Ministero per il controllo delle targhe, la segnaletica nuova in città, il trasporto pubblico e l’ampliamento dei parcheggi. Gran parte di questo intenso lavoro è stata fatta, altri accorgimenti restano da limare, tenendo sempre presente il confronto con le associazioni e con chiunque vorrà dare un contributo per il bene della città. Ma ci faremo presto trovare pronti dinanzi a questa sfida».

LEGGI ANCHE:
Soldi sprecati per il piano di mobilità mai partito, il caso finisce alla Corte dei Conti

Una serie di interventi costati all’incirca 400mila euro per i quali è stata presentata un’ interrogazione in consiglio comunale da Andrea Di Martino e una segnalazione alla Corte dei Conti. «Altro che sprechi di denaro, quelli li lasciamo a chi ci ha consegnato un bilancio disastrato che abbiamo ripianato con un lavoro costante e rigoroso di monitoraggio delle spese e dei costi. I soldi – rivendica il Sindaco Cimmino – investiti per il pum serviranno a potenziare la vocazione turistica di Castellammare. Un modello di mobilità che esprime la nostra visione di città. Una città più accogliente e sicura. Una città che guarda al futuro». emidav

 


Cronaca

Comune, la commissione ordina controlli antimafia alle ditte appaltatrici

Controlli per i cinque anni precedenti alle aziende titolari di contratti

Pubblicato

il

Cimmino

Controlli antimafia a tutte le ditte appaltatrici e agli operatori che lavorano per il Comune di Castellammare. E’ questa l’ultima indicazione della triade commissariale che regge le sorti di Palazzo Farnese. In realtà si sta applicando la legge, per cui nei casi di scioglimento per infiltrazioni chiunque abbia rapporti con l’amministrazione comunale. Non a caso si legge in un avviso pubblicato sul sito dell’ente:

“In virtù di quanto disposto dall’art. 100 del Decreto Legislativo n. 159/2011, l’Ente locale, sciolto ai sensi dell’articolo 143 del decreto legislativo 267/2000, deve acquisire, nei cinque anni successivi allo scioglimento, l’informazione antimafia precedentemente alla stipulazione, all’approvazione o all’autorizzazione di qualsiasi contratto o subcontratto, ovvero precedentemente al rilascio di qualsiasi concessione o erogazione indicati nell’articolo 67 indipendentemente dal valore economico degli stessi. Pertanto alle istanze presentate sul portale impresainungiorno.gov.it è necessario allegare il modello di informazione antimafia. Tale modulo deve essere compilato (e ritrasmesso con allegato un documento di identità del dichiarante in corso di validità o firmato digitalmente) da parte di tutti i soggetti sottoposti alla verifica antimafia ai sensi dell’art.85 del Decreto Legislativo del 6 settembre 2011, n. 159”.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica