Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare. Immacolata flop in Villa Comunale, i quartieri rispondono con l’accensione dei propri falò

L’evento organizzato dall’Amministrazione Comunale non è piaciuto, nei quartieri accesi i fuocaracchi nonostante i presidi di polizia


Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Tanta partecipazione ma anche molta delusione per la festa dell’Immacolata in Villa Comunale. In migliaia ieri sul Lungomare per l’accensione dell’albero e dei falò predisposti dall’amministrazione comunale. La città tuttavia si aspettava di più, il malumore si è espresso sui social dove sono apparsi molti commenti negativi. Una ricorrenza che si aspetta per un anno intero e che sarebbe dovuta essere una grande festa, nel segno della tradizione, per rilanciare la città ma invece è stato fatto anche peggio degli anni precedenti. Flop su flop dopo lo stop al concerto di Antonello Venditti, per assenza di autorizzazioni, e lo stop allo spettacolo pirotecnico. Una festa triste contornata dalla sola accensione delle luminarie e dell’albero di Natale che è piaciuto agli stabiesi dopo le polemiche sull’allestimento del pino secolare in Via Mazzini.

LEGGI ANCHE:
Annullato per ordine pubblico il concerto di Venditti: stop anche ai fuochi d’artificio

Sul Natale a Castellammare di Stabia si naviga ancora al buio. Ad oggi non è stato ancora presentato il programma degli eventi, a differenza delle città del comprensorio che si sono organizzate già da settimane. Lo stesso per il concerto di Venditti, il sindaco Cimmino ha assicurato che si farà ma non ha detto quando. Al flop della “festa legale” hanno risposto i quartieri che nella notte hanno acceso le proprie pile di legno, dalla periferia Nord fino all’altra parte della città tutti i quartieri seppur in modo ridimensionato rispetto agli anni precedenti hanno acceso il loro falò. CastellammareA Piazza Fontana Grande i ragazzi  all’accensione del fuocaracchio hanno proiettato un video racconto degli anni precedenti quando la festa dell’Immacolata diventava occasione di aggregazione e non si riduceva solo all’accensione del fuoco ma anche a spettacolo e street food. Alla Tavernola invece il falò è stato dedicato a Marco Caruso, giovane del quartiere, trovato morto in strada nel Centro Antico il mese scorso. Accensione anche in altri quartieri dove non sono mancate tensioni con le forze dell’ordine che nella giornata di ieri hanno presidiato tutti i punti della città. emidav

LEGGI ANCHE:
Castellammare, spari al Viale Europa: un ferito


Continua a leggere

Cronaca

Castellammare, furto in un bar in centro città

Il furto nella notte, rubate monete ed un Kinder Bueno

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Ritornano i furti notturni alle attività commerciali. La scorsa notte raid ad un bar del centro città. Il bilancio del furto è di poche decine di euro dalla cassa ed un Kinder Bueno. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di Castellammare di Stabia che hanno raccolto la denuncia del titolare ed effettuato tutti i rilievi del caso. A setaccio le immagini delle telecamere di videosorveglianza per cercare di identificare l’uomo. L’anno scorso decine di attività commerciali sono state oggetto di furti notturni ed alcune persone sono state identificate ed arrestate dopo accurate indagini delle forze dell’ordine.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica