Seguici sui Social

Politica

Scuola e Quirinale, per De Luca due schiaffi in due giorni

Il governatore sconfitto al TAR e nella scelta dei grandi elettori per l’elezione del presidente della Repubblica

Pubblicato

il

Nel gergo dei circoli di box si chiamano ganci, in politica basta definirli due schiaffi.
È quanto subito dal Governatore De Luca nelle ultime ore. Prima la revoca dell’ordinanza di chiusura delle scuole che ne ha offuscato la leadership ed il suo proverbiale decisionismo, poi la scelta del grande elettore di minoranza in Regione che ha fatto saltare il suo accordo con i 5Stelle.
Ebbene si, son bastate tre, quattro, cinque mamme, non di più, ed un piccolo pool di avvocati, straordinariamente bravi, per metterlo in ginocchio.
La DAD bocciata, la linea Draghi sovrana a surclassare la sua bramosia di visibilità. Il solito colpo dì teatro stavolta non è riuscito. Il solito metodo dell’uomo solo al comando, aldisopra delle Leggi e delle altre istituzioni, si è rivelato fallace. Nessuno a difenderlo se non il cerchio magico salernitano. Silenzio del PD che ha ribadito di sposare la linea del governo di vedere nella scuola aperta una priorita. Un flop cui il leader maximo dell’Irno non è abituato.
Ma, purtroppo per lui, la sua stella subisce, oggi, un altro colpo. Accordo fatto con la Ciarambino e i 5Stelle per il membro di minoranza dei grandi elettori del Presidente della Repubblica. Smentito immediatamente dal PD e dai cespugli centristi in Regione. Il PD che aveva in altre regioni governate dal centro destra l’accordo per garantire uno dei loro, lo abbandona senza colpo ferire mentre i cespugli centristi immaginano con la operazione Patriarca un nuovo percorso pensando al dopo Mattarella verso le politiche del 2023.
Due colpi in due giorni che confermano che, nonostante il consenso plebiscitario, quando De Luca cerca la ribalta nazionale fa sistematicamente flop. Il suo destino rimane quello lì, di colui al quale, oltre il Garigliano, chiedono la patente politica non riconoscendogli alcuna capacità di guida.

Marcella Veneziani


Clicca per commentare

Rispondi

Politica

I commissari accelerano sui condoni edilizi, 4.000 pratiche inevase

Via libera al progetto di produttività per dare risposte ai cittadini

Pubblicato

il

I commissari accelerano sui condoni edilizi. Con una delibera di giunta, i tre reggenti di Palazzo Farnese hanno messo in piedi un progetto di produttività rivolto ai dipendenti dell’ente per evadere l’enorme mole di pratiche edilizie. Sono addirittura oltre 4mila le istanze in giacenza. La maggior parte di queste, circa 2.700 pratiche, non sono nemmeno state istruite. Mentre per la restante parte servono integrazioni e ulteriori verifiche. Un lavoro che la commissione chiede di svolgere non solo ai dipendenti dell’ufficio tecnico, che in ogni caso non sono sufficienti, ma anche ad impiegati di altri settori.

Tale progetto – come si legge nella delibera commissariale – prevede come obiettivo prioritario quello di concludere le istanze su cui pendono procedimenti oggetto di ordini di demolizione RESA disposti dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli – Ufficio Esecuzione Penale, nonché quelli oggetto di ordini di demolizione disposti dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, al fine di dare risposte certe, nonché dare impulso all’attività tecnico amministrativa relativa alla definizione delle istanze di Condono edilizio giacenti presso l’Ufficio tecnico comunale.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy