Seguici sui Social

Politica

Via il dirigente all’urbanistica nominato da Cimmino, pronto l’arrivo di un sovraordinato dalla Prefettura

Termina il contratto di Giuseppe Terracciano, urbanistica e lavori pubblici passano nella mani del segretario generale

Pubblicato

il

Via il dirigente nominato dall’ex sindaco Cimmino, il settore urbanistica passa nella mani della segretaria generale Loredana Lattene. E’ uno dei primi provvedimenti del super-prefetto Raffaele Cannizzaro in merito alla riorganizzazione della macchina comunale. Una decisione obbligata, considerata la scadenza del contratto di Giuseppe Terracciano, l’ingegnere voluto da Cimmino alla guida del settore urbanistica del Comune di Castellammare.

In capo al segretario generale passa anche il settore lavori pubblici, retto sempre da Terracciano fino allo scorso 16 marzo. Un incarico temporaneo per Loredana Lattene, “nelle more dell’individuazione di un nuovo dirigente” si legge nel decreto commissariale a firma di Cannizzaro. Probabilmente, visto il numero esiguo di dirigenti rimasti e considerata la sempre più probabile rotazione dei dirigenti in carica, la commissione antimafia chiederà rinforzi alla Prefettura per l’invio di uno o più sovraordinati, opportunità offerta soprattutto nei comuni sciolti per infiltrazioni camorristiche, come nel caso di Castellammare.

Daniele Di Martino

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.