Seguici sui Social

Politica

Il Pd scende in piazza: «Il Puc va ritirato»

Appello alla commissione antimafia per cancellare il piano urbanistico adottato dalla giunta Cimmino

Pubblicato

il

PD-Castellammare


«Il Puc va ritirato». In un volantino il Pd chiede alla triade commissariale di mettere una pietra sopra al piano urbanistico comunale adottato dalla giunta Cimmino. Domenica il Partito Democratico sarà in Villa Comunale (altezza Cassa Armonica) per spiegare ai cittadini le motivazioni della richiesta inviata alla commissione antimafia che ora amministra la città.

«Con lo scioglimento per infiltrazioni camorristiche si chiude, in maniera triste e indecorosa, una delle  pagine  politiche più brutte per la nostra città.  Domenica 27 saremo in piazza perché è compito di un partito politico cercare il confronto con i cittadini anche e soprattutto fuori dalle mura di una sezione, guardandosi negli occhi, con il contatto personale e non attraverso solo il filtro di un monitor di un p.c. o di un cellulare. Noi ci siamo per il futuro di Castellammare, per il futuro degli stabiesi» fa sapere il Pd.

Di seguito la lettera integrale

C’è la possibilità di porre rimedio a parte dei danni provocati dall’Amministrazione dello scioglimento per infiltrazioni camorristiche.
Crediamo sia necessario che il provvedimento di adozione del Piano Urbanistico Comunale, approvato dalla Giunta Comunale lo scorso 9 febbraio, debba essere ritirato.

Il P.U.C., come da legislazione urbanistica regionale, è: ”lo strumento urbanistico generale del Comune. Disciplina la tutela ambientale, le trasformazioni urbanistiche ed edilizie del territorio”, documento di primaria importanza, che determina lo sviluppo futuro del territorio della città.
Sono molti, troppi, gli aspetti politici ma anche tecnici, che ci inducono a dare un giudizio pessimo.

In primo luogo ci preme sottolineare alla cittadinanza tutta che a fronte delle tanto sbandierate e propagandate prospettive di sviluppo sostenibile per una città che sia attrattiva, vivibile ed efficiente, volta a valorizzare la propensione turistica, ci siamo ritrovati una colata di cemento che invaderà l’area a nord, lungo l’asse di Corso De Gasperi, attraverso la realizzazione di centinaia di appartamenti. Sì, avete letto bene, si prospetta la realizzazione di case, case ed ancora case.

A fronte di una proiezione che prevede il decremento del numero di abitanti di Castellammare, Cimmino ed i suoi hanno prospettato la realizzazione di case al posto di attrezzature e verde per i cittadini e spazi da dedicare alla realizzazione di strutture turistiche.
Come è possibile passare dalla previsione “vani zero”, come riportato nel vigente P.R.G., a 1000 ed oltre appartamenti malgrado la diminuzione di abitanti?

Perché prevedere nuove colate di cemento quando c’è un patrimonio edilizio ed architettonico da recuperare nel centro antico e nel quartiere Savorito?
E meno male che doveva essere un piano a consumo di suolo zero, volto alla rigenerazione della città! D’altronde la singolarità di questo piano, in cui particelle a destinazione agricole, vicine e contigue, diventano all’improvviso sede di cambi di destinazione per la realizzazione di fabbricati è stato già riscontrato nella relazione della commissione prefettizia, che senza mezzi termini dichiara che nel redigendo PUC “le significative variazioni urbanistiche determinano un sicuro incremento dei valori di mercato e possibili attività speculative”.

Un piano che ha messo alla luce le reali intenzioni della già “Amministrazione del fare danni” ed ora ribattezzata “Amministrazione dello scioglimento per infiltrazioni camorristiche”.

L’abbiamo detto prima e lo ribadiamo con maggiore forza oggi, alla luce di quanto emerso: la scellerata Amministrazione Cimmino non aveva non solo autorevolezza politica, ma nemmeno autorevolezza morale per realizzare lo strumento cardine per il futuro della nostra città.

Il P.U.C. va ritirato ora e subito! Il P.D. chiede alla Commissione Prefettizia di decidere in tal senso nel nome e nell’interesse della città.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Politica

La Lega incontra il commissario e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino

Il partito di Salvini anticipa tutti e si infila a Palazzo Farnese: “Pronto un piano sicurezza per la città”

Pubblicato

il


E’ il primo partito a incontrare la commissione prefettizia. La Lega mette la prima bandierina e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino. Questa mattina il partito di Salvini è stato ricevuto dal vice commissario Passerotti, a Palazzo Farnese. Una rappresentanza formata dal segretario cittadino Casimiro Donnarumma, la segretaria provinciale Tina Donnarumma, l’ex funzionario comunale Franco Ilardi e l’ex consigliere comunale Antonio Alfano.

“Abbiamo evidenziato alcune problematiche quali sicurezza del territorio, viabilità, piano traffico, implementazione parcheggi, turismo e decoro urbano – annuncia Casimiro Donnarumma – Abbiamo ricevuto un fattivo riscontro, a margine del confronto la Commissione ha dichiarato che sarebbe in dirittura di arrivo la presentazione, l’approvazione e l’applicazione di un piano di sicurezza della città con nuove ed innovative tecniche di video sorveglianza”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica