Seguici sui Social

Ultime Notizie

Terme di Stabia, l’affondo degli ex consiglieri: “Troppi dubbi sul ricorso in Cassazione”

Nel mirino dell’ex opposizione la nomina di un avvocato diverso da quello che aveva vinto il ricorso in primo grado

Pubblicato

il

Il cambio di avvocato, nonostante la vittoria in primo grado. E la conferma dello stesso legale anche dopo aver perso il secondo round in appello. Sono questi i dubbi resi pubblici dagli ex consiglieri comunali Michele Starace, Tonino Scala, Andrea Di Martino e Francesco Nappi. Dubbi messi nero su bianco in una nota inviata alla commissione straordinaria, nominata dopo lo scioglimento del consiglio comunale.

Parliamo chiaramente della vicenda dei lavoratori ex termali, che secondo la Corte di Cassazione dovevano essere assunti dalla Sint dopo il fallimento di Terme di Stabia.

Nel mirino degli ex consiglieri finisce quindi la gestione del liquidatore Enzo Sica.

Di seguito la lettera integrale inviata alla commissione straordinaria:

 

I sottoscritti Michele Starace, Antonio Scala, Andrea Di Martino e Francesco Nappi, già Consiglieri comunali, scrivono questa nota per sottolineare una serie di dubbi circa la decisione della Suprema Corte nonché chiedere dei chiarimenti e delle verifiche.
Non ci dilunghiamo sulla cronistoria dell’intera vicenda, sicuramente nota alle Signorie Vostre, ma ci soffermeremo su due aspetti che i sottoscritti estensori della presente non riescono ad oggi a darsi delle risposte.
Il primo caso evidente a tutti è la revoca del difensore di primo grado della SINT che aveva anche conseguito un risultato eccezionale in termini di tutela del patrimonio immobiliare della menzionata SINT, tanto da vincere nel primo grado di giudizio.
Quale beneficio ha portato la nomina dei nuovi legali perpetrata dall’attuale liquidatore? Per quale motivo è stato revocato l’avvocato che ha conseguito un buon risultato mentre si è continuato a dare fiducia allo stesso legale soccombente in Appello?
Altro aspetto molto controverso della già contorta e difficile vicenda delle Ex Terme di Stabia è la motivazione addotta dalla Suprema Corte di Cassazione circa l’inammissibilità del ricorso proposto in nome e per conto della società SINT SPA.
Testualmente si legge dall’ordinanza n. 24757/2022 emessa dalla Sezione L: …la violazione della disciplina sul rito assume rilevanza invalidante soltanto nell’ipotesi in cui, in sede di impugnazione, la parte indichi lo specifico pregiudizio processuale concretamente derivatole dalla mancata adozione del rito diverso….perchè essa assuma rilevanza invalidante occorre infatti che la parte che se ne dolga in sede di impugnazione indichi il suo fondato interesse alla rimozione di uno specifico pregiudizio processuale da essa concretamente subito per effetto della mancata adozione del rito diverso….tale onore non è stato in concreto osservato….
In una prima lettura pare che la Suprema Corte ammonisca la difesa di non aver saputo articolare il ricorso e per tali ragioni viene dichiarato inammissibile il primo motivo dello stesso. Sorge spontanea la domanda: perché la difesa compie questo errore?
Inoltre continuando la lettura della suindicata ordinanza della Corte di Cassazione si evince anche: la denunzia di violazione di norma di diritto riferita all’art. 2112 cod. civ. NON è articolata con modalità conformi alle indicazioni del Giudice di legittimità….deduzioni che difettano del tutto nel caso di specie…
Perché due errori nello stesso ricorso?
Le perplessità dei sottoscritti estensori della presente scaturiscono principalmente dalla dichiarazione di Inammissibilità assunta dalla Suprema Corte. Pare quasi di leggere che le doglianze difensive potevano essere accolte se scritte nel modo giusto.
Una simile conclusione se fosse confermata sarebbe di una gravità assoluta.
Non vogliamo vedere fantasmi in una situazione così complessa e travagliata già di suo, ma i dubbi nascono spontanei considerata l’inerzia della passata amministrazione sciolta per camorra.
Infatti l’unica alternativa fattibile degli allora amministratori era sempre ed esclusivamente quella di vendere i beni per pagare i debiti senza un minimo di tutela per un patrimonio unico della nostra città.
Peraltro l’inerzia amministrativa si è registrata anche nei confronti di una trattativa da intraprendere con la Regione Campania affinchè quest’ultima acquistasse tutto il patrimonio della SINT SPA in tal modo lo stesso poteva continuare ad essere un bene pubblico.
Infine, sorge anche spontaneo chiedere spiegazioni sulle ragioni che hanno spinto la società, dopo la soccombenza in appello, a non procedere al licenziamento dei lavoratori secondo norma e di conseguenza dalla sentenza di appello ad oggi si sono fatti maturare altri interessi al già enorme debito.
Per le suestese ragioni, si invitano le S.V. ad una verifica sull’intera vicenda processuale affinché venga eliminato ogni dubbio che è lecito avere nei confronti di nomine fatte da un’amministrazione sciolta per camorra.
Inoltre si invitano le S.V. a prendere contatti con la Regione Campania e verificare se la stessa è ancora interessata all’acquisto dell’intero patrimonio della SINT Spa per consentire che lo stesso continui ad essere un bene pubblico e di conseguenza non vada nelle mani dei soliti speculatori.


Clicca per commentare

Rispondi

Politica

ELEZIONI | Meloni, prima “doppia cifra” nell’ex Stalingrado del Sud. Exploit Cinque Stelle, bene Forza Italia

Centrosinistra travolto dalla furia grillina

Pubblicato

il

E’ la prima volta in doppia cifra per Fratelli d’Italia. La destra sfonda anche nell’ex Stalingrado del Sud, Castellammare di Stabia. Soltanto la furia elettorale grillina ferma l’ascesa del centrodestra. Nel territorio stabiese i Cinque Stelle continuano ad essere il primo partito, riuscendo a spuntarla contro il centrodestra guidato da Annarita Patriarca. Un miracolo che porta la firma di Gaetano Amato. Mentre il centrosinistra ha sofferto di parecchio il nuovo exploit grillino. Nulla di nuovo da queste parti, dove il reddito di cittadinanza ha influito oltremodo nel consenso al partito di Giuseppe Conte. C’era da aspettarselo.

La sorpresa è sicuramente Fratelli d’Italia con quasi il 12%. La doppia cifra per il partito della Meloni non era per nulla scontato. A Castellammare le percentuali sono sempre state al minimo, anche quando la destra – su scala nazionale – riusciva a racimolare voti. Il partito sarà anche stato trascinato dall’effetto Meloni, la premier in pectore, ma ha dovuto fare i conti con Forza Italia, trascinato dalla candidata Annarita Patriarca e sostenuto da tutta l’ex maggioranza di centrodestra, compreso l’ex sindaco Gaetano Cimmino. I forzisti sono andati ben oltre l’8% nazionale, arrivando addirittura al 13%.

Non è stato esaltante il risultato di Azione-Italia Viva. Il partito di Renzi e Calenda non riesce ad agguantare la soglia del 6%, altro dato al di sotto della soglia nazionale.

Alla fine chi ha risentito più di tutti la furia grillina è stato il Partito Democratico. A Castellammare si arriva al 16%, ma è anche vero che a livello nazionale il partito di Letta ha forse toccato uno dei punti più bassi.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy