Seguici sui Social

Cronaca

Topi negli uffici comunali a Castellammare, chiusa la sede di Viale Europa

Pubblicato

il

topi

Topi negli uffici comunali, chiusa la sede di Viale Europa. Accade al Comune di Castellammare di Stabia, dove al rientro dal week end di Capodanno i dipendenti hanno dovuto fare i conti con la presenza di ratti. Si tratta di uffici ubicati nei locali dell’ex Pretura, solitamente tra i più frequentati dai cittadini, trattandosi del comando di polizia municipale e delle politiche e servizi sociali. Molto probabilmente gli uffici resteranno chiusi per due giorni per consentire una sanificazione.

Sul sito istituzionale dell’ente campeggia quest’avviso senza però specificare la natura dell’emergenza igienico sanitaria: “Si informa la gentile cittadinanza che gli Uffici comunali di Viale Europa, 45 resteranno chiusi a partire dal giorno 2 gennaio 2024 per la risoluzione di problematiche igienico-sanitarie. Per qualsiasi informazione telefonare al seguente numero: 0813900352 (Porta Unica di Accesso). La riapertura sarà comunicata mediante i mezzi di comunicazione a disposizione dell’Ente ed avverrà presumibilmente a partire dal giorno 4 gennaio 2024”.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Per informazioni o per inviare una segnalazione Whatsapp / Telefono +39 351 309 1930 / email: stabianews.it@gmail.com

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402
Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)

NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica.