Seguici sui Social
PUBBLICITA


Cronaca

Castellammare. Identificati gli autori dello striscione della vergogna l’8 dicembre al rione Savorito (VIDEO)

Avatar

Pubblicato

il


PUBBLICITA

. Nelle prime ore della mattinata odierna, in Castellammare di Stabia (NA), personale del locale Commissariato di P.S., congiuntamente ai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata (NA) e della Compagnia di Castellammare di Stabia, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di dimora all’interno della Regione Campania – emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia – nei confronti di Imparato Francesco, Artuso Antonio e Amendola Daniele, ritenuti responsabili dei reati di istigazione a delinquere con l’aggravante delle finalità mafiose. L’attività investigativa veniva avviata nelle fasi immediatamente successive alla notte del 8 dicembre 2018, quando, in occasione dei festeggiamenti per la S.S. Maria Immacolata, all’interno del rione “Savorito” di Castellammare di Stabia, cinque soggetti di sesso maschile issavano su di una pira di legno, ritualmente allestita per i cc.dd. “fuocaracchi”, uno striscione recante la scritta: “COSÌ DEVONO MORIRE I , ABBRUCIATI” e un manichino di pezza con un cappello in uso alle forze dell’ordine, il tutto veniva dato alle fiamme alla presenza di una moltitudine di persone. Le indagini, immediatamente avviate in sinergia tra l’Arma dei Carabinieri e la Polizia di Stato sotto il coordinamento della D.D.A. di NAPOLI, consentivano di identificare gli autori nei tre maggiorenni sottoposti a misura cautelare, e in due minorenni, per i quali sono tuttora in corso indagini coordinate dalla Procura della Repubblica dei Minorenni di Napoli. L’episodio avveniva nel quartiere della periferia stabiese noto come “Aranciata Faito”, zona abitata dalla famiglia IMPARATO, meglio noti come i “Paglialoni”, fiancheggiatori del clan D’ALESSANDRO.

Il monito lanciato attraverso l’affissione dello striscione ha rappresentato un eloquente messaggio intimidatorio nei confronti dei collaboratori di giustizia, oltre a esprimere sostegno e solidarietà verso il clan D’ALESSANDRO, colpito pochi giorni prima da una misura cautelare eseguita dalla Polizia di Stato, per aver commesso in quel territorio reati ricostruiti anche grazie alle propalazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia. CLICCA QUI E METTI MI PIACE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Covid, a Castellammare 19 guariti. I contagiati sono 1367

Avatar

Pubblicato

il

. Sono 1367 gli attualmente positivi al Coronavirus. Il dato è aggiornato ad oggi con la comunicazione di altri c casi di contagio tra la popolazione stabiese. A renderlo noto è il sindaco Gaetano Cimmino che ha diffuso il consueto bollettino del giorno. «Si tiene relativamente basso il numero dei nuovi contagiati nonostante l’alto numero dei tamponi oggi; alto anche il numero dei guariti. L’Asl Na 3 Sud e la Regione Campania ci hanno inviato i dati relativi alle ultime 24 ore riguardanti l’emergenza Covid a Castellammare di Stabia. I cittadini stabiesi risultati positivi al coronavirus (Covid-19) sono 36 – fa sapere il primo cittadino -Tra di essi in 13 presentano sintomi lievi della malattia. Tra i nuovi contagiati, purtroppo, ci sono ancora giovanissimi: un bambino di 11 mesi, due di 5 anni e due di 10 e 15 anni. In totale sono stati lavorati 338 tamponi, per cui si abbassa di molto la percentuale del rapporto tra i test lavorati nei laboratori ed i nuovi positivi: siamo al 10,6%. Sono 19, infine, gli stabiesi dichiarati guariti dalle autorità sanitarie».

Continua a leggere

DALLA HOME

Pubblicità

Trending