Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, picchia e tenta di bruciare il padre malato: in manette

Pregiudicato 58enne in manette per violenza domestica


Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Ha picchiato il padre allettato e ha tentato di bruciarlo ma è stato bloccato dai carabinieri. E’ la storia di un 58enne, pregiudicato di Castellammare di Stabia, che è stato arrestato dai militari della Compagnia stabiese. L’uomo quattro anni fa era già finito in carcere per maltrattamenti nei confronti dei genitori ma l’anziana madre l’aveva perdonato permettendogli di ritornare a casa.

L’episodio. Per motivi ancora da accertare il 58enne ha picchiato il padre, 89enne affetto da problemi di deambulazione e costretto a letto, servendosi della stampella utilizzata dal padre per camminare. Ha poi tentato di strozzarlo ma non è riuscito nel suo intento grazie alle ultime forze della vittima che ha opposto resistenza. L’uomo però non era ancora soddisfatto e voleva terminare ciò che aveva iniziato. Non contento, infatti, ha cosparso dell’alcol etilico sulle coperte che coprivano suo padre, voleva dargli fuoco con un accendino. La madre, disperata, ha implorato il figlio di smetterla e fortunatamente questo lo ha fatto vacillare. È arrivato poi l’altro figlio dell’anziana coppia che, una volta appurato cosa stesse facendo suo fratello, ha immediatamente chiamato i carabinieri. Quando i militari sono entrati nell’appartamento hanno constatato cosa fosse appena accaduto, la coperta era ancora intrisa di alcol e la stampella a terra. Le vittime hanno raccontato che era da un mese che si era ritornati nel baratro delle vessazioni. Il personale medico intervenuto sul posto ha visitato l’anziano che se la caverà con 7 giorni di riposo.


Continua a leggere

Cronaca

(VIDEO) Castellammare, cade dal balcone di casa: muore in attesa dei soccorsi. Caos nel Centro Antico

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. Momenti di tensione nel Centro Antico per il ritardo di un mezzo di soccorso chiamato dopo che una donna è caduta dal balcone di casa. Un volo dal primo piano di uno stabile in Via Caporivo, cuore del Centro Antico. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di polizia e i militari della compagnia di Castellammare di Stabia.

I fatti. Poco dopo le 20.30 una donna, in corso di identificazione, è precipitata dal balcone di un’abitazione ed è caduta al suolo ma era ancora in vita sebbene le diverse fratture riportare. Alcuni passanti hanno chiesto l’intervento di un’ambulanza che è arrivata dopo circa mezz’ora. Quando i soccorritori sono giunti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della donna morta a seguito delle ferite riportate in attesa del 118. Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta, sono in corso tutti i rilievi del caso. Da capire soprattutto se la donna si sarebbe potuta salvare se soccorsa prima.

Si cercano eventuali testimoni per ricostruire l’esatta dinamica del tragico evento. La pista più accreditata resta quella del suicidio. Rabbia tra i residenti della zona, raccolti anche in una video denuncia, per il ritardo dei soccorsi. emidav

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica