Seguici sui Social

Ultime Notizie

Depuratore, operai senza stipendio in protesta: “Noi abbandonati anche dal Sindaco”

Pubblicato

in



Depuratore fermo ed operai senza stipendio in protesta. A vasche piene tutti i reflui potranno finire in mare

Castellammare di Stabia. Chiedono stabilità e certezza economica i 75 operai del Depuratore di Foce Sarno che, senza stipendio, sono in protesta da diversi giorni. La questione è sempre la stessa: i ritardi nei pagamenti da parte dell’azienda che gestisce per conto della Regione Campania e lo farà fino ad ottobre quando l’impianto di Via Napoli sarà gestito dalla GORI. Il cancello di ingresso è chiuso, l’impianto, fermo, è presidiato dagli operai che non permettono l’ingresso ai camion che devono caricare i fanghi reflui, ovvero il prodotto finale del ciclo di depurazione delle acque per poi smaltirli in impianti dedicati.
Gli operai sono molto provati da questa situazione che va avanti da anni. Chiedono stabilità economica che possa permettere a loro e alle loro famiglie di vivere con serenità.

“Non possiamo con questa situazione – dicono – neanche portare al mare in spiaggia i nostri figli e le nostre famiglie

Questa mattina una delegazione ha provato invano ad incontrare il Sindaco di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino, ma non sono stati ricevuti dal primo cittadino.
La vicenda del depuratore, benchè di carattere Regionale, riguarda anche e soprattutto la città di Castellammare di Stabia perchè c’è il rischio che gli scarichi possano finire nel mare stabiese quando le cisterne saranno completamente piene. Il depuratore di Foce Sarno svolge un ruolo strategico per la depurazione delle acque dell’intero comprensorio Stabiese e diversi comuni dell’area vesuviana. “Noi non vogliamo questo – raccontano a StabiaNews – perchè vogliamo bene alla nostra città e teniamo al nostro mare ma non possiamo continuare ad andare avanti così. Ci sentiamo abbandonati – dicono alcuni operai presenti ai cancelli – dopo il Governatore De Luca che conosce bene la situazione anche il Sindaco ci ignora”. emidav

Politica

In Forza Italia volano gli stracci, Martusciello batte Cesaro. Patriarca in consiglio regionale

Pubblicato

in

di Daniele Di Martino

Fulvio Martusciello vince il duello con Luigi Cesaro. La più votata è Annarita Patriarca, l’ex sindaco di Gragnano che l’eurodeputato azzurro ha voluto fortemente in lista nonostante il fuoco amico dell’ex presidente della Provincia. Soltanto la Patriarca, al momento, sembra sicura di un posto in consiglio regionale, risultando prima in lista con oltre 11mila preferenze. Ottimo affermazione per Franco Cascone (10mila preferenze), impegnato in un testa a testa nella notte proprio contro la Patriarca. Alla fine l’ha spuntata la figlia d’arte dello storico senatore della Dc, mentre Cascone spera in un secondo seggio per poter entrare in consiglio regionale.
E’ un flop per la candidata di Cesaro, DiScala, arrivata solamente terza nella lista di Forza Italia, nonostante le ottime affermazioni nei comuni di Ischia (dove risiede) e proprio a Castellammare, dove il sindaco Gaetano Cimmino si è battuto per farla attestare a 600 preferenze, a discapito della candidata del territorio Annarita Patriarca.

Continua a leggere

Politica

Elefante esalta il Pd e prova la spallata: “Siamo noi l’anti-Cimmino, la città l’ha bocciato”

Pubblicato

in

di Daniele Di Martino

“Adesso siamo ufficialmente gli anti-Cimmino. La città ha bocciato la gestione amministrativa del centrodestra”. Parola di Roberto Elefante, presidente dell’assemblea Pd di Castellammare. I dem sono il primo partito con il 22% e l’ex consigliere comunale si gode il momento di gloria e dà la spallata al sindaco di Forza Italia: “Il risultato deludente del centrodestra in città è sotto gli occhi di tutti, una catastrofe. Questo significa che sono inadatti a governare e a gestire la città. Sabato parte il nuovo piano traffico, ho tantissimi dubbi e timori per i commercianti. Spero solo nel buon senso di quest’amministrazione”.
Roberto Elefante, poi, esalta il nuovo corso del Pd: “C’è stata una sana competizione, pur essendoci posizioni diverse. E’ stato un risultato esaltante. Adesso, con un nuovo gruppo dirigente, continueremo ad aprirci alla città, alle energie migliori. Soprattutto bisogna lavorare a un centrosinistra compatto, perché i risultati di questa tornata elettorale ci dicono che solo uniti possiamo essere l’alternativa alle amministrazioni di centrodestra”.

Continua a leggere

Trending

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?