Seguici sui Social



Politica

Tunnel Varano, la resa di Cimmino: “Solo la Regione può fermare i lavori”

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Il Sindaco ammette di non poter fermare i lavori e si appella al Governatore De Luca chiedendo di sospenderli

Castellammare di Stabia. Sembra non trovare la quiete, almeno mediatica, il cantiere dove sorgerà il tunnel di Varano e il secondo binario della linea EAV Castellammare di Stabia – Torre Annunziata. Siamo passati da “I lavori per il raddoppio dei binari della Circumvesuviana sono ufficialmente sospesi” a “siamo disposti ad interrompere i lavori, ma chi può farlo è il committente quindi la regione e ci auguriamo che de luca lo faccia”. E’ il dietrofront del Sindaco Cimmino che in pompa magna, diversi giorni fa, aveva annunciato la sospensione dei lavori ed oggi invece si è affidato al Governatore della Campania Vincenzo De Luca. ” Siamo disposti – ha detto il sindaco Cimmino nel corso della sua diretta Social – ad interrompere i lavori, ma chi può farlo è il committente quindi la regione e ci auguriamo che il Presidente De Luca lo faccia. Voglio assicurare i cittadini – ha ribadito – che noi saremo presenti, saremo vigili e monitoreremo costantemente gli interventi che la ditta farà. Quel traforo era già stato approvato in quel progetto del lontano 2003 io come Sindaco e come amministrazione abbiamo il diritto di monitorare. All’interno del progetto c’è anche un’opera di ingegneria naturalistica per salvaguardare il parco archeologico a noi tanto caro. Si tratta di un progetto del lontano 2003. Solo a fine 2017 è stata presentata una variante in regione rispetto alla quale io come sindaco in conferenza dei servizi sono intervenuto apportando delle migliorie, come l’eliminazione del sottopasso di via Cosenza, a quello che era un progetto già iniziato”.


Politica

Cimmino, il sindaco di Forza Italia che elogia il PCI: È stato un grande partito

Pubblicato

il

Una grande storia. Una grande tradizione. Insomma, il Partito Comunista è stato un grande partito. Parole che, a sentirle da un sindaco di Forza Italia con un passato da segretario Pd, hanno una valenza maggiore. E magari suscitano anche qualche critica dei partiti di centrodestra.
Gaetano Cimmino ha comunque voluto ricordare la nascita, nel giorno del centenario, del Pci. E qualche buontempone non ha perso tempo ad immortalarlo al fianco della bandiera rossa con falce e martello.

Un intervento inusuale o quantomeno inaspettato:“Il Partito Comunista è l’espressione di una storia politica che ha segnato le tappe del percorso democratico e sociale dell’Italia e della nostra città – dice il sindaco Cimmino – Nel centenario della sua nascita, ci tengo a ricordare quel dibattito politico tra i partiti che ha animato le piazze, che è entrato nelle case dei cittadini, che ha ispirato le istituzioni democratiche, al di là delle divergenze ideologiche. Un dibattito tenuto vivo dal Partito Comunista a Castellammare nella storica sede di corso Vittorio Emanuele, fucina di politici e intellettuali.

Rinnovare e conservare la memoria e il ricordo assume una maggiore valenza in questa fase storica in cui la crisi dei partiti ha lasciato sempre più spazio ai personalismi. Ed oggi, più che mai, abbiamo il compito di adoperarci per fare in modo che i partiti tornino ad appropriarsi del proprio ruolo e a dialogare in modo costruttivo con i cittadini, per ricostruire il rapporto tra il popolo e le istituzioni”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere