Seguici sui Social



Politica

Regionali Campania 2020, Franco Cascone guarda ai giovani: «La fuga dei cervelli è un’emergenza regionale da affrontare subito»

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Incalza la campagna elettorale di Franco Cascone, candidato di Forza Italia alle prossime elezioni regionali. Dopo aver toccato il tema del turismo in un video facebook qualche settimana fa, il Vicesindaco di Santa Maria la Carità quest’oggi, nella splendida cornice di Castellammare di Stabia, ha rivolto la sua attenzione ai giovani, definendoli un terreno fertile in cui seminare con esempi di onestà: «Attraverso la scuola e la politica, dobbiamo trasmettergli l’amore per questa meravigliosa terra, la voglia di migliorarla, di viverla e soprattutto di restarci. La fuga dei cervelli, infatti, è un’emergenza regionale da affrontare subito – dichiara Cascone – Stando ai dati Istat, negli ultimi 10 anni, infatti, circa 100mila giovani campani sono stati costretti ad emigrare a causa, spesso, della mancata corrispondenza tra l’offerta di lavoro e la formazione acquisita.  E questa è una grana da risolvere con urgenza perché in Campania esistono già settori produttivi altamente qualificati in grado di raccogliere l’offerta di competenza che viene da tanti giovani.Bisogna invertire la rotta. È l’ora di mettere al centro dell’Agenda Politica un piano di azioni adeguate per far sì che le menti migliori diventino e restino un tesoro della nostra Regione. Abbiamo il dovere di garantire un futuro ai nostri giovani, senza spot elettorali ma trasmettendo loro il bisogno di tornare o restare in una terra che non ha niente da invidiare a nessun posto nel mondo – continua – Bisogna costruire un legame produttivo tra mondo dell’Università e della Ricerca e mondo delle Imprese, investendo sulle capacità e sulle creatività, non sul capitale economico. I giovani sono il futuro del nostro territorio».


Politica

Parco Lattari, il Pd stabiese in missione da Mastursi per “tagliare” il pupillo di De Luca. Spunta l’ipotesi Corrado

Pubblicato

il

Non solo un documento, ma anche una visita a Palazzo Santa Lucia per mettere le cose in chiaro. L’oggetto è il rinnovo della carica di presidente dell’ente Parco dei Monti Lattari, sinora ricoperta (anche oltre la scadenza naturale del mandato) dal pupillo di De Luca, Tristano Dello Ioio. La missione del Pd stabiese ha come obiettivo quello di aprire un dialogo ed essere un soggetto interlocutore del presidente della Regione. Quale migliore occasione, in prossimità della nomina all’Ente Parco. Così una delegazione dem è partita alla volta di Santa Lucia ed ha avuto – secondo i bene informati – un colloquio con Nello Mastursi, capo della segreteria di De Luca. I democrat vogliono essere sicuri che non arrivi il rinnovo della carica a Dello Ioio, con cui i rapporti non sono mai stati dei migliori. Non ultima la recente polemica sui migranti sbarcati a Nerano e la dichiarazione “non possiamo accoglierli tutti” di Dello Ioio che fece infuriare il Pd stabiese, ma anche tutti i circoli dem dei Monti Lattari. Ma, soprattutto, i dem vogliono essere sicuri di non ritrovarsi Dello Ioio in corsa per la designazione del candidato sindaco nel 2023.

Così iniziano a trapelare anche i primi nomi di potenziali successori del pupillo di De Luca. Tra questi c’è Nicola Corrado, ex vicesindaco e assessore all’Ambiente, ora ispiratore di tante iniziative per rilanciare il Faito, tanto da essere ribattezzato ormai il “sindaco di Faito”. Un nome che potrebbe mettere tutti d’accordo.

Daniele Di Martino

Continua a leggere