Seguici sui Social

Ultime Notizie

Santa Maria la Carità – Lavori in corso: ci si prepara alla riapertura delle scuole

La priorità è ripartire al meglio, riportando tutti in classe con adeguamenti degli spazi, nuovi arredi e aule ampliate.

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Nei giorni in cui tiene banco la nuova e preoccupante diffusione a macchia d’olio del Coronavirus nei territori limitrofi, a Santa Maria la Carità ci si rimbocca le maniche per far tornare i piccoli sammaritani a scuola in condizioni di assoluta sicurezza.
Con la campanella pronta a suonare il 14 Settembre, al fine di fornire spazi scolastici in linea ai protocolli di sicurezza dettatati dalle rinnovate esigenze anti-Covid.  l’Amministrazione D’Amora sta già da tempo valutando la fattibilità di diverse soluzioni ma ad oggi la volontà prioritaria è quella di riportare in classe tutti gli studenti, senza riduzioni di orario, scongiurando l’ipotesi di uno smembramento delle classi o di una didattica mista.
Per tale motivo, dopo aver predisposto una variazione di bilancio di oltre €250.000,00 nell’ultima seduta di Consiglio Comunale e congiuntamente ad un finanziamento statale, sono puntualmente iniziati gli interventi di adeguamento delle aule scolastiche nelle scuole comunali, in ottemperanza alle prescrizioni sanitarie per il contrasto alla diffusione del virus.

Un lavoro intenso e senza sosta. Una vera e propria lotta contro il tempo per cercare di garantire una ripartenza scolastica sicura, seppur paradossale ed anomala rispetto alle normali consuetudini, perché come annunciato dal Sindaco D’Amora sul suo profilo facebook «I nostri studenti, come sempre, prima di tutto!!».


Politica

Pallone geodetico in vendita, allarme delle associazioni: «Qual è il futuro?»

Pubblicato

il

PUBBLICITA
SInt-areasportiva

«Il Comune chiarisca sul futuro delle strutture sportive di Castellammare. Siamo l’unica città che non ha un palazzetto dello sport». Le associazioni sportive scrivono al sindaco e lanciano un appello per il pallone geodetico in vendita. Oltre ad evidenziare la mancata convocazione di un incontro con il primo cittadino Gaetano Cimmino, mai avvenuta nonostante le pressanti richieste delle associazioni.

Di seguito la lettera integrale.

 

Egr. Sig. Sindaco primo cittadino e cittadini tutti,

la presente lettera fa seguito a due richieste di incontro da parte delle scriventi Associazioni col Sig. Sindaco, la prima informale e la seconda tramite Pec, a cui non abbiamo ricevuto ancora risposta.
L’ultimo incontro col Sindaco Cimmino e le società sportive risale al 16 settembre scorso, nel quale si ribadì l’importanza prioritaria del tessuto sportivo di base cittadino per questa Amministrazione, con l’impegno di attuare a breve da quel momento, pochi semplici interventi di manutenzione al “Pallone”, che permettessero lo svolgimento delle discipline sportive adatte alla sede, vale a dire pallacanestro, pallavolo, pattinaggio, scherma e ginnastica artistica.
Interventi urgentissimi soprattutto perché la pandemia, oltre ad aver già duramente provato le Associazioni e i tesserati per i mesi di stop dovuti all’emergenza sanitaria, ha impedito agli stessi di poter accedere normalmente alle strutture sportive scolastiche della città, vero cuore pulsante delle varie discipline.
Quindi la Tendostruttura e la pista da pattinaggio, rappresentano attualmente l’unica area sportiva comunale fruibile per lo sport cittadino e le speranze di sopravvivenza dello sport di base cittadino sono legate indissolubilmente alle strutture in oggetto.

Cosa è cambiato nel frattempo nel panorama del patrimonio gestito dalla Sint di cui l’area sportiva del “Pallone” fa parte? Il 30 novembre 2020 è stato pubblicato un bando di vendita dell’intero complesso sportivo, quotato con base d’asta a 466.000,00 € e con termine della presentazione delle offerte il prossimo 21 gennaio 2021.
Ciò che colpisce è il bando in corso non evidenzia vincoli di destinazione sportiva delle aree e, pertanto, rischia di compromettere l’esistenza delle strutture in oggetto e gli investimenti comunali effettuati in passato con l’obiettivo di garantire una struttura fruibile per lo sport comunale.

Anche per questo motivo, le scriventi Associazioni chiedono chiarimenti all’Amministrazione sui destini della struttura, pronti anche a valutare una soluzione, nella logica di partenariato pubblico privato, per la gestione della Tendostruttura e della pista da pattinaggio oggetto di bando di vendita da parte della Sint Spa.

A prescindere dai motivi, lo sport cittadino di base è ormai fermo da troppo tempo e non vorremmo si fermasse definitivamente. Un danno ulteriore da evitare alla platea di migliaia di giovani praticanti a cui forniamo un servizio da tanti anni, anche con ragguardevoli risultati ed eventi in campo regionale e nazionale che tanto lustro hanno portato alla Città.
Da sempre in giro per le nostre rispettive competizioni, siamo ormai stanchi di constatare che i Palazzetti e complessi sportivi degni di tal nome che ci ospitano altrove, al confronto con le nostre condizioni in città provocano rabbia e vergogna, anche nei nostri adolescenti che invece rappresentano fieri i valori sportivi stabiesi.
Castellammare e la sua storia sportiva reclamano a gran voce alla classe politica, un Palazzetto ed altre strutture sportive degne di una città civile.

Le Associazioni Sportive Dilettantistiche: Antares Pattinaggio, Ginnastica Koryo, Pallavolo Nemesi, Nuova Polisportiva Stabia, Basket Team Stabia, Basket Femminile Stabia.

Continua a leggere

Trending