Seguici sui Social

Cronaca

Brucia la montagna a Lettere: arriva un elicottero. Comuni limitrofi invasi dalla cenere

Pubblicato

in



L’incendio per tutta la notte ha divorato ettari di bosco

Lettere/Sant’Antonio Abate. Ha continuato a bruciare per tutta la notte l’incendio scoppiato nella giornata di ieri sul costone montuoso tra Lettere e Sant’Antonio Abate. Nonostante l’intervento di un elicottero e di un canadair della protezione civile l’incendio non è stato estinto ed ha continuato a bruciare per tutta la notte. Ad influire sulle operazioni di spegnimento e a mantenere vive le fiamme il vento che per tutta la notte ha soffiato sulla zona. Lo stesso vento che ha trascinato la cenere sui balconi dei comuni limitrofi fino a Castellammare di Stabia. Anche questa mattina c’è vento e non sarà facile spegnere l’incendio. Sul posto i vigili del fuoco e la protezione Civile New Emergency che insieme ad altri volontari sta prestando supporto ai caschi rossi impegnati nelle operazioni di spegnimento. Continuano i roghi sui Lattari, questo è il terzo in una settimana.

Cronaca

Juve Stabia, Manniello lascia: “Grazie, 12 anni straordinari”. LA LETTERA

Pubblicato

in

Franco Manniello lascia la presidenza della Juve Stabia dopo 12 anni

Castellammare di Stabia. “Sono stati 12 anni straordinari, ricchi di soddisfazioni impagabili ed emozioni irripetibili che hanno portato la nostra squadra a giocare in quei palcoscenici che sognavo sin da bambino, dall’Artemio Franchi al Marassi, passando per il Bentegodi e l’Olimpico di Torino”.  Sono le parole di Franco Manniello che dopo dodici anni ha lasciato la guida della Juve Stabia, le cui quote sono andate ad Andrea Langella. Il presidente della Juve Stabia ha affidato ai social un messaggio a tutti i tifosi, postando le foto ritenute più significative di questa lunga presidenza con promozioni in Serie B e tanti altri successi.
Cari tifosi – scrive – poche ore fa ho ceduto le quote da me detenute nella Juve Stabia al Sig. Giuseppe Langella. Sono stati 12 anni straordinari, ricchi di soddisfazioni impagabili ed emozioni irripetibili che hanno portato la nostra squadra a giocare in quei palcoscenici che sognavo sin da bambino, dall’Artemio Franchi al Marassi, passando per il Bentegodi e l’Olimpico di Torino.
Il principale obiettivo della mia presidenza è stato quello di regalare una gioia alla mia città, mi auguro di esserci riuscito. Ho fatto calcio sempre e soltanto per passione per quei colori che amo come voi, mi auguro lo abbiate capito. Sono felice di lasciare la nostra squadra nelle solide mani della famiglia Langella, come sapete non è semplice trovare interlocutori seri e affidabili nel mondo del calcio. Sono sicuro che saranno capaci di riportare la Juve Stabia al più presto nel calcio che conta! Concludo ringraziando chi ha reso possibile questo sogno, ovvero la mia famiglia che mi ha sopportato, lo staff il cui lavoro è sempre stato encomiabile, e naturalmente voi fedelissimi che non avete mai fatto mancare il vostro sostegno ovunque giocassero le Vespe. Con affetto, Franco
Continua a leggere

Trending

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?