Seguici sui Social

Cronaca

È di Castellammare l’avvocato italiano degli Escobar: il suo racconto (VIDEO)

Pubblicato

in



“La mia casa era la casa della moglie di Pablo Escobar”

“Ho vissuto a Medellín, la mia casa era la casa della moglie di Pablo Escobar”. E’ il racconto di Alexandro Maria Tirelli, avvocato internazionale, nato e cresciuto a . L’avvocato parla perfettamente cinque lingue ed è inoltre il presidente delle “Camere Penali del diritto Europeo e Internazionale”. Lo stabiese conosciuto come “l’avvocato dei Narcos” per aver difeso i trafficanti di cocaina si è raccontato in un’intervista ai colleghi di Fanpage. “Nel corso della mia carriera mi è capitato di assistere persone di una certa caratura – dice – gli Escobar? Mi è capitato di conoscerli andando in Colombia. In Colombia non si produce la cocaima ma la si trasforma, la foglia non nasce lì. Escobar è diventato famoso perchè ha industrializzato un traffico. Nel tesserino da avvocato porto sempre con me un santino che mi è stato regalato personalmente dagli Escobar, rappresenta il  Bambino di Atocha, un’immagine sacra a cui tutta la famiglia, a partire da Pablo, è legata”. (QUI L’INTERVISTA COMPLETA)
emidav

Pubblicità

Cronaca

Coronavirus, a Castellammare 11 guariti e 40 nuovi positivi

Pubblicato

in

Altri 40 cittadini positivi al Covid-19 e 11 guariti a . Sono questi i numeri che ci ha comunicato oggi la Protezione Civile della Regione Campania. Numeri in linea con i dati di queste settimane sul territorio regionale e nazionale. Numeri che mi preoccupano e che impongono la massima cautela e un rispetto rigoroso delle regole. A renderlo noto è il Sindaco Gaetano Cimmino: « Ora è necessario – ha detto il primo cittadino – che la Regione dia seguito alle mie richieste, attivando uno screening a tappeto per i cittadini e garantendo esiti più rapidi per i tamponi, e che il Governo assicuri risorse e uomini per un controllo capillare del territorio. Sono in costante contatto con l’Asl e la Regione Campania per tutte le misure da mettere in campo per la tutela della salute dei miei cittadini. Stiamo vivendo una fase critica, ma abbiamo il dovere di abbassare questi numeri. Ed io continuerò a lavorare in prima linea, giorno e notte, per la mia città.

Continua a leggere

Trending