Seguici sui Social

Politica

Elezioni, ladri nel comitato di Annarita Patriarca: “Questo non mi fermerà”

Pubblicato

in



Malviventi si sono introdotti nel comitato della candidata e rubato computer ed attrezzature varie

“Un episodio inquietante che non limiterà il mio impegno”. A dirlo è Annarita Patriarca che sui social ha raccontato dello spiacevole episodio che l’ha coinvolta la scorsa notte.  “Durante la scorsa notte, alcuni soggetti – racconta la candidata azzurra –  si sono introdotti nella sede di un mio comitato di Viale Gramsci a Napoli, dopo aver forzato le finestre. Dai locali sono stati portati via computer e attrezzature, l’ammontare dei danni è in fase di quantificazione. Si tratta di un episodio inquietante che ovviamente non limiterà, né avrà ripercussioni sul mio impegno in questa campagna elettorale che si prospetta sempre più coinvolgente. Gli uomini e le donne di Napoli stanno apprezzando le proposte di Forza Italia e dell’intera coalizione di centrodestra, e nessun atto di violenza, di prepotenza o di prevaricazione, potrà impedirci di continuare il nostro percorso, fino al giorno delle elezioni”.

Politica

Gli “infedeli” del centrodestra passano a due, dubbi sul marito di una consigliera

Pubblicato

in

di Daniele Di Martino

Spunta il secondo consigliere “infedele” nel centrodestra. Parte dei voti della maggioranza che sostiene il sindaco Cimmino sarebbero andati a un candidato di Italia Viva. Le conferme arrivano proprio da esponenti napoletani del partito di Renzi. Si tratterebbe, in realtà, del marito di una consigliera comunale di maggioranza che avrebbe assicurato l’appoggio al candidato Bove, appunto di Italia Viva. In effetti, Pasquale Bove – a quanto si vociferava – rappresentava anche l’exit strategy di Luigi Cesaro per uscire da Forza Italia ed entrare in Italia Viva. Il candidato proprio a Sant’Antimo ha totalizzato 129 preferenze e non sarebbe un caso, quasi gli stessi voti di Discala e Franco Cascone, la coppia che Cesaro “portava” per Forza Italia.
A Castellammare, invece, Bove ne è uscito con 59 preferenze e in Italia Viva giurano che nessuno del partito si è concentrato sul candidato proveniente da Napoli Nord. Da qui il sospetto sul marito di una consigliera comunale. Quindi i consiglieri “infedeli” passano a due. Apriti cielo!

Continua a leggere

Trending