Seguici sui Social

Politica

Trasporto pubblico, Somma (+Campania): “Aiutiamo le amministrazione a trovare soluzioni idonee”

Pubblicato

in



Migliorare il Trasporto Regionale favorire le attività commerciali all’interno dei percorsi pedonali

“In questi giorni – dichiara Francesco Somma candidato con Più  Campania in Europa alle elezioni regionali- da alcune realtà locali si levano proteste per quanto riguarda : il cattivo funzionamento del Trasporto Pubblico Locale, la chiusura di determinate stazioni della Circumvesuviana, penso a quella di Moregine , tra Castellammare e Pompei, i piani della mobilità non in grado di soddisfare l’utenza, chiusure scritierate al traffico veicolare.  Lamentele che investono non solo lavoratori, famiglie e studenti ma anche tanti commercianti che da un giorno all’altro , oltre alla crisi post COVID-19 saranno chiamati a fare i conti con decisioni calate dall’alto senza la fattiva collaborazione tra le parti. L’ascolto come la programmazione – commenta il candidato di Più Campania in Europa, Francesco Somma- rappresentano momenti irrinunciabili. Come formazione politica siamo impegnati a promuovere una mobilità sostenibile. Immaginiamo una Regione in cui i cittadini non siano più ostaggio dell’auto privata per spostarsi di casa. Gli interventi attualmente in corso per migliorare il trasporto regionale – prosegue Somma- devono però essere implementati per garantire un sistema complessivo che metta a sistema tutte le modalità di spostamento, al fine di decongestionare, rendere più vivibili le città e ridurre l’inquinamento.  Nell’era post COVID-19  non si può prescindere anche da una rimodulazione degli orari di apertura delle attività commerciali, degli uffici e delle scuole, in modo da non congestionare il traffico e consentire una più sostenibile fruizione dei luoghi. Ben venga l’abbonamento gratuito per gli studenti promosso già dalla Regione Campania ma accanto a questo sarà mio impegno lavorare per dare una nuova centralità al trasporto pubblico migliorando il servizio, garantendo sicurezza all’utenza e attenzione ai lavoratori. Ci sono piccole realtà come ad esempio alcuni comuni dell’area dei Monti Lattari dove il trasporto pubblico locale è del tutto assente. La SITA con il suo servizio di trasporto su gomma extraurbano non può assolvere da sola a questo compito soprattutto quando in periodo extrascolastico le corse risultano limitate. Per far fronte a questi disagi e in un’ottica green prendiamo l’impegno di aiutare le amministrazioni locali a trovare soluzioni idonee per collegare le singole frazioni’’.

Politica

Piano traffico, l’Ascom lancia il referendum: “Saranno i cittadini a decidere”

Pubblicato

in

“Saranno i cittadini a decidere, non vogliamo essere etichettati”. L’Ascom, l’associazione commercianti, lancia una sorta di referendum sul piano di mobilità entrato recentemente in vigore con i primi cambi di sensi di marcia. Da domenica inizia anche la Ztl nel centro cittadino. ma sono tante le proteste.
“L’Ascom-Confcommercio di Castellammare di Stabia – si legge in una nota -, per il bene della Città e nell’interesse dei propri Soci, ha già espresso il proprio punto di vista e manifestato forti perplessità rispetto al nuovo piano traffico, trasmettendo una serie di comunicazioni ufficiali all’Amministrazione comunale già a partire dallo scorso mese di luglio, a seguito dell’incontro di presentazione svoltosi presso il Palazzetto del Mare. L’Associazione, con spirito costruttivo, ha offerto alla collettività e all’Amministrazione la massima collaborazione partecipando alla stesura delle linee guida del PUC (Piano Urbanistico Comunale), contenente le indicazioni di indirizzo del PUM (Piano Urbano della Mobilità), approvate in Consiglio comunale, che sono state realizzate insieme ai professionisti e alle associazioni dell’amministrazione condivisa. Purtroppo non siamo stati ascoltati, le nostre indicazioni sono state ignorate e non c’è stato il confronto preventivo più volte promesso dall’Amministrazione”.
Da qui l’idea di una sorta di referendum popolare: “A questo punto, lasciamo che siano i cittadini tutti ad esprimere il proprio parere non volendo essere strumentalizzati, né etichettati come quelli che intendono ostacolare lo sviluppo della città.
È doveroso precisare, inoltre, che il provvedimento adottato a Castellammare è in controtendenza rispetto a quanto si sta verificando in altre città dove si stanno adottando misure di contenimento dell’emergenza sanitaria – in linea con le indicazioni del Presidente del Consiglio dei Ministri – che prevedono la riapertura delle ZTL. Tuttavia ci riserviamo di intraprendere azioni a tutela dei nostri associati qualora non si ponga rimedio a questa disastrosa situazione nel più breve tempo possibile”.

Continua a leggere

Trending