Connect with us

Cronaca

Covid, a Santa Maria la Carità 68 i positivi. Il Sindaco: “Anziani restate a casa, presto nuove misure”

Published

on


Preoccupazione del Sindaco D’Amora che invita gli anziani ad uscire solo per necessità

Santa Maria la Carità. Sono 18 i nuovi positivi a Santa Maria la Carità che fanno salire a 68 il numero dei cittadini positivi. Ad annunciarlo è stato il Sindaco Giosuè D’Amora che si dice «preoccupato per i numeri che riceviamo dall’ASL». Il primo cittadino ha invitato i cittadini Over 65 ad uscire da casa solo nei casi indispensabili ricordando che è attivo il servizio di assistenza della protezione civile per spesa e farmaci chiamare il tel 0814242353 dalle 10-12 e 16-19, nonché a chiunque ha avuto sintomi influenzali negli ultimi 7 giorni di contattare il proprio medico curante.

«Elemento che fa ulteriormente riflettere – commenta D’Amora –  è il numero altissimo di famiglie coinvolte nonché il fatto che tramite cittadini e medici di base quotidianamente vengo a conoscenza di concittadini risultati positivi (tramite laboratori privati) che giungono all’attenzione dell’Asl solo dopo 3/4 giorni. Questa notizia collegata alla difficoltà dei presidi Ospedalieri locali ed ai dipartimenti di prevenzione ed alla noncuranza di una piccola parte di cittadini richiede l’applicazione di nuove misure. Chiedo a tutti di non sottovalutare questo momento».


Advertisement

Cronaca

Blitz dei Nas nei lidi di Castellammare e Penisola Sorrentina

Published

on

Controlli ad ampio raggio da Pozzuoli a tutta la penisola sorrentina

Sono oltre 30 gli stabilimenti balneari sottoposti a controlli da parte dei carabinieri del Nas di Napoli che, con 30 pattuglie, dal 10 al 31 luglio, hanno passato al setaccio i lidi del Napoletano, da Pozzuoli a Massa Lubrense, passando per Castellammare di Stabia.

All’attenzione dei militari il rispetto delle norme anticovid ma anche controlli sotto il profilo igienico-sanitario ed amministrativo delle strutture. Per quanto riguarda il rispetto delle norme anti covid i risultati ottenuti sono confortanti (c’erano i dispenser per il gel, i termo scanner e anche un sistema di prenotazione telefonico, ndr), altrettanto non è stato invece per quello che riguarda il profilo igienico-sanitario e amministrativo. Nel complesso i carabinieri hanno sequestrato 250 kg di alimenti privi di tracciabilità e altri 20 kg, prevalentemente carne e pesce, il cui stato di conservazione era pessimo. I militari del Nas di Napoli, coordinati sul campo dal comandante Alessandro Cisternino, ha messo i sigilli a due depositi illegali di alimenti, del valore complessivo di circa 50mila euro.

Le sanzioni comminate ai titolari si aggirano sui 20mila euro. Rilevata, in un solo caso, la presenza di un bagnino la cui abilitazione è risultata scaduta. Sequestrati, inoltre, in una sorta di infermeria, una serie di farmaci ospedalieri, alcuni scaduti, la cui detenzione non è consentita ai privati. Contestata anche la scarsa dotazione di materiali sanitari nelle obbligatorie cassette di pronto soccorso.

Continue Reading

Trending