Seguici sui Social
PUBBLICITA


Cronaca

L’encomio del Sindaco di Meta ad Antonio Coppola, il responsabile Covid19 per l’ASL Na3 Sud

Avatar

Pubblicato

il


PUBBLICITA

Arriva l’encomio del Sindaco Giuseppe Tito al coordinatore dell’ASL Na3 Sud per l’emergenza Coronavirus

Il Sindaco di Meta Giuseppe Tito ha voluto esprimere attraverso una lettera di encomio la propria gratitudine e il suo apprezzamento per il lavoro che sta svolgendo Antonio Coppola, il dottore coordinatore per l’ASL Napoli 3 Sud per l’emergenza Coronavirus. «Desidero – scrive il primo cittadino – esprimere il mio e a nome dell’amministrazione comunale profondo apprezzamento per la professionalità, l’efficienza e l’impegno dimostrato nella gestione della delicata fase pandemica. Ho constatato con orgoglio, come Lei ha svolto, al meglio, con grande spirito di sacrificio con efficienza e massima dedizione, il lavoro dando esempio di professionalità e spiccato senso del dovere, anche mettendo a rischio la propria incolumità rendendo lodevole l’attività di Responsabile Covid19 Asl Napoli3 Sud». (emidav)

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

San Leonardo, Tonino Scala (LeU): “La situazione ogni giorno più drammatica. Fate presto”

Avatar

Pubblicato

il

Tonino-Scala-LEU

Gli operatori sanitari vanno tutelati e non dati in pasto al “Covid-19″.

Castellammare di Stabia. «La vicenda del Pronto soccorso del San Leonardo è diventata insostenibile: Fate Presto». E’ l’appello del consigliere comunale di opposizione Tonino Scala, dopo l’ennesima denuncia a firma della FIALS, sindacato dei lavoratori ospedalieri, sulle criticità dell’ospedale San Leonardo. «La situazione del Pronto Soccorso del San Leonardo si fa ogni giorno più drammatica – è il commento del consigliere Scala – e insostenibile. Ritardi incomprensibili ed inaccettabile di lavori, annunciati e mai iniziati. A questo si aggiunte le questioni a tutte note, divenute ormai croniche, che rendono tutto ancor più difficile una vicenda già di per sé tragica. Gli operatori sanitari vanno tutelati e non dati in pasto al “Covid-19″. Ancora oggi parliamo di forniture di Dispostivi di protezione individuale carenti. A questo si aggiunge l’entrata indiscriminata dei parenti che sostano vicino agli ammalati sospetti positivi senza nessuno tipo di filtraggio, che sta, questo lo dicono i dati dei contagi, alimentando un vortice che nessuno, stando alle vicende ormai note, riuscirà a fermare se non si mette un freno. Il personale è allo stremo, la dotazione organica è insufficiente e non possiamo rischiare anche di farlo ammalare. Sindaco se ci sei batti un colpo, fatti sentire. È necessario un intervento ad horas con i vertici dell’Asl e con l’assessore alla Sanità. La denuncia fatta oggi è di una gravità inaudita, non si può continuare così. Fate Presto».

Continua a leggere

Trending