Seguici sui Social

Politica

Emergenza Covid a Castellammare, il Caso in Consiglio Regionale: Più Europa chiede misure a sostegno delle attività e struttura per i positivi

Pubblicato

il


Interrompere il contagio in famiglia con una struttura residenziale per casi positivi e sostegno alle attività in difficoltà per l’emergenza. Le proposte di Più Europa al Governatore De Luca

Castellammare di Stabi. Covid non molla la presa sulla città di Castellammare di Stabia a preoccupare il gruppo cittadino di Più Europa non c’è solo l’aumento dei contagi ma anche la difficile situazione economica che stanno vivendo decine e decine di attività commerciali e artigianali. «Ci siamo fatti promotori attraverso il rappresentante regionale del Partito il consigliere Fulvio Frezza di un ‘interrogazione al Presidente della Giunta Regionale Vincenzo De Luca avente ad oggetto “misure a sostegno del comune di Castellammare di Stabia a seguito emergenza Covid – 19”. Fanno sapere in una nota stampa. Un momento difficile quello che sta attraversando la città di Castellammare che non sfugge ai rappresentanti cittadini di Più Europa. «In un momento come questo occorrono pensieri lunghi ed azioni mirate. L’Ospedale San Leonardo sta vivendo ore drammatiche per l’elevato numero di contagi, nonostante il grande sforzo di medici e operatori sanitari – sarebbe il caso di ascoltare le richieste che vengono dal personale medico e sanitario che da settimane denuncia sugli organi di stampa le carenze strutturali e di personale. Nella nostra interrogazione abbiamo suggerito , dato l’elevato numero di contagi in città, alla Regione Campania di procedere nelle prossime ore, d’intesa con le altre autorità competenti, all’individuazione di una struttura residenziale idonea in cui collocare tutti i casi covid positivi al fine di interrompere il contagio nei cluster familiari . Bisogna, a nostro avviso, aggredire la questione, non solo sul fronte medico ma anche su quello economico e sociale. Considerato il tessuto socio economico stabiese messo in ginocchio dalla crisi economica, abbiamo chiesto alla Regione Campania di concedere particolari contributi/sussidi economici per le imprese, le attività artigianali , le attività commerciali e le famiglie danneggiate da questa chiusura , facendosi portavoce presso il Governo della necessità di predisporre ogni sorta di aiuto al fine di sostenere il vivere quotidiano dei cittadini campani in sofferenza».


Politica

Emergenza Covid, il vicesindaco chiama l’opposizione: «Vi chiediamo una tregua»

Pubblicato

il

Calì

«Pronto, sono Fulvio». I telefoni dei consiglieri di opposizione squillano e rispondono all’inusuale chiamata del vicesindaco Calì. «Vi chiediamo una tregua» è il messaggio che il numero due di Palazzo Farnese fa arrivare alla minoranza e ai partiti di centrosinistra. D’altronde, i suoi buoni uffici e le radici di sinistra sono evidenti. Ha forse più amici all’opposizione che in maggioranza.

Al momento il centrosinistra sembra aver risposto all’appello, con appelli soft sull’emergenza sanitaria in corso, con Castellammare tra le città più colpite dalla pandemia.

Ma nel centrodestra qualcuno ha storto il naso quando, al Tg3, ha chiesto in diretta l’invio dell’esercito. «E’ una posizione che non è stata concordata con la maggioranza» è la voce di dentro alla coalizione guidata dal sindaco Cimmino. E nel bel mezzo del rimpasto di giunta e in previsione di una sola riconferma, quella appunto di Fulvio Calì, non è il massimo.

LEGGI  Castellammare, ruba vestiti dalla vetrina di un negozio: arrestato

Daniele Di Martino

Continua a leggere