Seguici sui Social



Cronaca

Covid, da domani laser nella stazione di Napoli per misurazione della febbre

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Percorso obbligatorio in stazione per gli arrivi che porterà ad un termoscanner per la misurazione della temperatura.

L’ASL Napoli 1 sta predisponendo tutte le misure previste dalla regione Campania per limitare le conseguenze sulla pandemia degli spostamenti per le festivita’ natalizie. L’Asl alla stazione centrale ha installato una postazione di rilievo automatico della temperatura con il laser. I passeggeri saranno obbligati a passarci davanti e l’allarme scatteraà in caso di temperatura superiore ai 37,5 gradi centigradi oppure nel caso che il laser non riesce a rilevare la temperatura, se ad esempio il passeggero ha mascherina, occhiali e cappello. Nel caso di temperatura oltre i 37,5 gradi, il passeggero sarà accompagnato dagli uomini della protezione civile regionale nella postazione dell’Asl per il tampone salivare che dà una risposta in pochi minuti e, in caso di positività, si sottoporrà il passeggero al tampone molecolare. L’Asl sarà presente all’interno della stazione con due Usca dalle 8 alle 24 per tutte queste operazioni che sono state organizzate in accordo con Grandi Stazioni, Protezione Civile Regionale e Polfer.

Al controllo saranno sottoposti tutti i passeggeri che scendono da treni interregionali: se anche un passeggero è salito a Sapri ma su un treno proveniente da Reggio Calabria, ad esempio, dovrà seguire il percorso per la misurazione della temperatura. Controlli anche all’aeroporto di Capodichino dove la misurazione della temperatura sarà eseguita come sempre dall’Unità di sanità marittima, aerea e di frontiera e i successivi tamponi a chi ne avrà bisogno saranno eseguiti dai sanitari di tutte le Asl della Campania, che hanno organizzato un calendario di turni.

L’ORDINANZA. Sulla linea della prevenzione e del rigore, al fine di evitare quanto più possibile il contagio, e al fine di limitare al massimo la mobilità in generale e fra i Comuni, da questo fine settimana, verranno effettuati controlli rigorosi nelle principali stazioni ferroviarie della Campania e all’aeroporto di Capodichino, per un’operazione di prevenzione e monitoraggio, che consenta anche di individuare persone in movimento senza motivazioni o con sintomi. Si dispone, ugualmente, per il periodo festivo, il divieto di spostamento nelle seconde case anche in ambito regionale. È indispensabile avere oggi rigore e senso di responsabilità per evitare situazioni drammatiche già dal mese di gennaio. Lo si legge in una nota del Governatore De Luca.


Cronaca

Maltempo, nuova allerta meteo da domani in Campania

Pubblicato

il

Maltempo-Castellammare

Nuovo bollettino di allerta meteo per la giornata di domani

La Protezione civile della Regione Campania ha emanato una nuova allerta meteo per venti forti e mare agitato con mareggiate per la giornata di domani, lunedì 25 gennaio, sull’intero territorio regionale. Fino alle 23.59 di oggi in Campania è in vigore un’allerta meteo con criticità idrogeologica di livello giallo. Proseguiranno per tutta la giornata, fa sapere la Protezione civile della Campania, “precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio e temporale, venti forti con possibili raffiche, temporaneamente anche molto forti, e mare agitato o molto agitato con possibili mareggiate lungo le coste esposte ai venti su tutto il litorale”. Il livello di allerta per il dissesto idrogeologico, quindi derivante da piogge e temporali, per domani è verde. La Protezione civile della Campania raccomanda alle autorità competenti di “mantenere in essere tutte le misure atte a prevenire, mitigare e contrastare i fenomeni previsti sia in ordine al rischio idrogeologico (per oggi) che in ordine ai venti forti o molto forti e al moto ondoso che potrebbe determinare mareggiate, anche in linea con i Piani comunali di protezione civile, fino alle 18 di domani”. La Protezione civile campana segnala inoltre “la necessità di attivare il monitoraggio del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del mare”.

Continua a leggere