Seguici sui Social

Cronaca

Gli auguri del Presidente Ungaro alla cittadinanza

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Il messaggio del Presidente del Consiglio Comunale

Castellammare di Stabia. Arrivano gli auguri di Buon Natale del Presidente del Consiglio Comunale Vincenzo Ungaro. Il numero uno dell’assise ha scritto un messaggio destinato alla cittadinanza augurando un sereno Natale ed esprimendo la propria vicinanza e quella del consiglio comunale agli stabiesi che sono alle prese con il Covid19.

IL MESSAGGIO. «In questo momento particolare mi preme essere vicino a tutti coloro che stanno soffrendo e combattendo contro un nemico subdolo che mina la serenità e l’armonia delle nostre comunità.
Un particolare e sentito pensiero va ai tanti nostri concittadini, vittime del Covid-19 e alle loro famiglie che tanto hanno sofferto a causa di un male infimo che gli ha portato via gli affetti più cari e un abbraccio accorato va anche ai tanti stabiesi che hanno dovuto affrontare le afflizioni del virus e fortunatamente ne sono guariti e si sono ristabiliti.
La comunità tutta si è stretta e deve necessariamente continuare a stringersi intorno a chi in prima linea affronta in maniera proba ed eroica gli orrori della pandemia.
Mi riferisco ai malati, agli operatori sanitari, ai medici, alle forze dell’ordine, alle parrocchie, alle associazioni di volontariato e a tutti coloro che, anche e soprattutto durante le festività, lavoreranno e si impegneranno per garantire un Natale, per quanto possibile, sereno.
Si Natale! Che possa essere all’insegna dei sani valori e della famiglia, unica pietra miliare in un periodo di incertezza e difficoltà.
Che possa essere un Natale da trascorrere in compagnia con chi più si ama, un’occasione per ricevere e dare un abbraccio, fare o vedere un sorriso, augurarsi sinceramente un futuro migliore.
Dai periodi difficili si dovrebbe avere sempre la capacità di trarre degli insegnamenti da trasformare in uno slancio per una ripartenza rapida ed efficace.
Che questo Natale sia, per tutti noi, uno scrigno prezioso capace di imprigionare tanti attimi di felicità da serbare nella memoria, allocati, ovviamente, tra i ricordi più preziosi.
A nome del Consiglio Comunale Auguro a tutti Voi buon Natale».


Cronaca

Superato il milione di vaccinati: Campania prima regione ma De Luca attacca: “Distribuzione squilibrata”

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Il Governatore: “Nostro sistema sanitario efficiente, ma la distribuzione delle dosi è squilibrata”

Tocca quota 1.072.086 il numero delle vaccinazioni somministrate fino a oggi, secondo i dati diffusi dal Ministero della Salute, e aggiornati a questa sera. Vaccino inoculato a 672.362 donne e 399.724 uomini. I destinatari sono operatori sanitari e sociosanitari (745.651), personale non sanitario (230.461) e ospiti delle strutture sanitarie (95.974). La Campania resta la prima regione d’Italia con 98.505 somministrazioni di Vaccini, su 101mila 145 dosi consegnate fino ad ora, ovvero il 97,4 per cento. Per fasce di età 10.259 dosi sono state somministrate nella fascia di età tra i 20 e i 29 anni; 17.136 nella fascia di età che va dai 30 ai 39 anni; 19.035 sono state somministrate nella fascia di età tra i 40 e i 49 anni; 25.867 nella fascia di età tra i 50 e i 59 anni; 21.547 nella fascia di età che va dai 60 ai 69 anni. “Questo – commenta De Luca – è una cosa che deve farci inorgoglire perché dimostra l’efficienza del nostro sistema sanitario. Ma la sfida più importante, quasi al limite della follia, è  di diventare per fine anno la prima regione d’Italia e d’Europa ad uscire fuori dall’epidemia, ovvero completare la vaccinazione per tutti i campani. La distribuzione dei Vaccini in Italia è squilibrata – ha spiegato De Luca – abbiamo avuto meno Vaccini di quanti ne dovessimo avere in base alla popolazione campana; dobbiamo dunque recuperare una quota in più di Vaccini, ma abbiamo dimostrato di essere molto efficienti”.
I numeri delle regioni. Abruzzo (76,7%), Basilicata (53,4%), Calabria (45,9%), Campania (97,4%), Emilia-Romagna (85,1%), Friuli Venezia-Giulia (75,2%), Lazio (73%), Liguria (64,3%), Lombardia (72,2%), Marche (77,8%), Molise (65,5%), Provincia autonoma Bolzano (72,2%), Provincia di Trento (64,9%), Piemonte (77,5%), Puglia (73,5%), Sardegna (64,3%), Sicilia (71,7%), Toscana (80,4%), Umbria (82,4%), Valle d’Aosta (79%), Veneto (83,5%).

Continua a leggere

Trending