Seguici sui Social



Cronaca

Immacolata, sequestrata legna nel quartiere Moscarella

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Castellammare di Stabia. Gli agenti della polizia municipale agli ordini del Comandante Antonio Vecchione questa mattina, dopo un sopralluogo, hanno provveduto a sequestrare della legna accatastata a Moscarella che sarebbe, molto probabilmente, stata impiegata per l’accensione del falò dell’Immacolata. Quest’anno non ci saranno falò in villa comunale e restano ovviamente vietati, come da sempre, quelli nei quartieri. L’emergenza Coronavirus, il rischio di creare eventi che porterebbero a generare assembramenti, ha indotto l’amministrazione comunale a bandire i falò sull’arenile e altri eventi e manifestazioni inerenti all’Immacolata, una festa molto sentita e partecipata dalla popolazione stabiese. Nonostante questo in alcuni quartieri è in corso da diverse settimane la raccolta di legna da ardere. Anche nei comuni limitrofi, che hanno importato la tradizione stabiese, è stata ordinato il divieto di accensione dei falò.


Cronaca

Maltempo, domenica di allerta meteo in Campania

Pubblicato

il

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un nuovo avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica di livello giallo valevole a partire dalle 6 di domani mattina, domenica 24 gennaio, e valido fino alle 23.59 di domani. L’allerta riguarda l’intero territorio regionale.Si prevedono “precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio e temporale, venti forti con possibili raffiche, temporaneamente anche molto forti, mare agitato o molto agitato con possibili mareggiate lungo le coste esposte ai venti su tutto il litorale”. La Protezione civile della CAMPANIA raccomanda alle autorità competenti “di porre in essere tutte le misure atte a prevenire, mitigare e contrastare i fenomeni previsti sia in odine al rischio idrogeologico che in ordine ai venti forti o molto forti e al moto ondoso che potrebbe determinare mareggiate, anche in linea con i Piani comunali di protezione civile”. Si segnala infine “la necessità di attivare il monitoraggio del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del mare”.

Continua a leggere