Seguici sui Social

Cronaca

Covid, in Campania 1175 nuovi contagiati. Preoccupano i picchi di positivi

Pubblicato

il

Coronavirus-Mascherina-Donna-Lungomare

La situazione, in Campania, non è affatto tranquilla. Il governatore Vincenzo De Luca, nella sua consueta diretta Fb del venerdì, mette in chiaro che “si stanno registrando dei picchi di casi positivi preoccupanti” e che se “non si adotteranno provvedimenti rigorosi” ci sarà il passaggio dalla attuale zona gialla a quella rossa. Insomma “si chiuderà tutto”. Sul fronte contagi, preoccupa invece la situazione di Torre Annunziata dove in virtù del picco registrato De Luca chiede un intervento del sindaco e l’adozione di provvedimenti. Ma di picchi se ne stanno registrando diversi in diversi comuni, da qui l’appello a non mollare i freni. Intanto, almeno nelle ultime ore 24 ore il tasso positivi-tamponi resta stabile. Nelle ultime 24 sono 1.175 (di cui 105 casi identificati da test antigenici rapidi) i positivi su 14380 tamponi esaminati (di cui 2.021 antigenici). Il tasso positivi-tamponi è, dunque, dell’8,17%, ieri era fermo all’8,14%. C’è poi il fronte scuola con il ritorno in aula, da lunedì prossimo, anche degli alunni delle secondarie. “Il tema è complesso”, ribadisce De Luca. “In questi giorni siamo stati inondati dalle più diverse segnalazioni – spiega – E’ un tema non riducibile a estremizzazioni”. Da qui la raccomandazione di ieri e il mettere in chiaro che devono decidere “i dirigenti scolastici quale e’ la forma di organizzazione più rispondente alle esigenze didattiche, alle famiglie, al corpo docente, non è materia sulla quale noi possiamo decidere”.


Cronaca

Gragnano, sconto tari del 20% a commercianti che resistono alla crisi del Covid

Pubblicato

il

Credito di imposta del 20% sulla tari 2021 per commercianti ed operatori turistici che resistono alla crisi del Covid

Gragnano. Il comune tende una mano alle attività commerciali che, alle prese dall’emergenza Coronavirus che ha portato ad un calo delle entrate, resistono e non chiudono mantenendo i livelli occupazionali. L’amministrazione guidata da Paolo Cimmino, utilizzando l’avanzo del ristoro previsto dalla Stato a favore degli enti locali nell’ambito del Decreto Ristori bis, ha predisposto che soggetti commerciali che hanno avuto un calo di vendita o dovuto chiudere le attività a causa dell’emergenza Coronavirus uno “sconto” straordinario a valere sul pagamento della Tari 2021. Il budget messo a disposizione è di 150 mila euro e verrà assegnato sulla base di un avviso pubblico e della verifica dei requisiti. Il contributo sarà, infatti, erogato solo al momento del pagamento della quota Tari 2021, mediante un meccanismo di riemissione dell’avviso con uno sconto del 20% da parte del concessionario alla riscossione Publiservizi. «Abbiamo utilizzato – spiega il primo cittadino – i risparmi del Decreto Ristori per sostenere lo sforzo di quasi tutti gli operatori commerciali e turistici di Gragnano. Si tratta di una misura che segnala il modo originale attraverso cui la fiscalità comunale può aiutare commercio e occupazione. Ci auguriamo di poter ripetere questa operazione anche nel 2022, in relazione al maggior peso dell’autonomia finanziaria degli enti locali. Il provvedimento adottato segnala come le buone pratiche dei Comuni possano sostenere la ripresa della nostra economia, soprattutto se ci sarà un’espansione dei trasferimenti dal centro agli enti locali». Mariarosaria Greco

LEGGI  Il centrodestra riapre alla Lega in giunta: «Ma solo con i leghisti della prima ora». Scalpita l'ex segretario Tito
Continua a leggere