Seguici sui Social

Politica

Debito Asam da 16 milioni, il Comune rischia un nuovo dissesto

Pubblicato

il


Altra tegola per Cimmino. È di qualche giorno il rigetto da parte dei commissari della proposta di inserire il debito ASAM da 16 milioni nell’organismo speciale di liquidazione. Detta così sembrerebbe una cosa tecnica da addetti ai lavori se non fosse che questo provvedimento di rigetto significa un grande alert per le casse comunali e per lo “spareggio” di bilancio. Si pensi che nel dicembre 2013 la allora amministrazione Cuomo dichiarò il dissesto per cifre intorno ai 15 milioni di euro ed adesso questa partita pregressa Asam si avvicinerebbe a quella somma li’. Vero è che la liquidazione ASAM con la relativa debitoria è storia del 2014 certamente non ascrivivile a Cimmino, tuttavia fa specie che l’assessore al ramo, profonda conoscitrice di tutte le partecipate avendo esercitato ruoli diversi con tutti i colori politici, non abbia dedicato tempo in questi ormai tre anni a questa vicenda. Era in itinere ed in via di completamento una transazione che coinvolgeva Comune Gori e Asam ma le tracce si sono perse nei cassetti di Palazzo Farnese.
Ormai fra un po’ si accende la candelina del terzo anno, il giro di boa del mandato sindacale abbondantemente superato, la scusa della colpa del passato non funziona più.
Buffalo Bill


Politica

Cinque milioni per salvare la spiaggia di via De Gasperi: arrivano i fondi dal Viminale

Pubblicato

il

Quasi cinque milioni di euro per recuperare la piaggia di via De Gasperi. Il ministero dell’Interno ha assegnato il finanziamento milionario al Comune di Castellammare, con l’obiettivo di recuperare qualche metro di arenile e sottrarlo all’erosione.

In pratica si tratta di scogliere a «pennelli» che saranno posizionate lungo la costa a nord di Castellammare: in tutto 6 posti trasversalmente alla costa. Negli anni, infatti, gli edifici (molti dei quali capannoni dismessi) di via De Gasperi hanno dovuto fare i conti con il mare sempre più minaccioso. In qualche punto, addirittura, sono pochissimi i metri che dividono le proprietà private dalla battigia. Il tentativo, dunque, è quello di far arretrare il mare e avere una spiaggia più ampia. Arenile che, secondo le intenzioni dell’amministrazione, potrà essere dato in concessione in un futuro prossimo.

LEGGI  Giunta in dirittura d'arrivo: quote rosa l'ultima grana. La Dc insiste su Sanzone

Interventi sono previsti, sempre attraverso posizionamento di scogliere, anche a Pozzano e precisamente in corrispondenza de «La Rotonda» e de «La Palombara», altri due punti che necessitano di attenzione.

Daniele Di Martino

Continua a leggere