Seguici sui Social

Cronaca

Maltempo, allerta meteo in Campania per vento forte e temporali

Pubblicato

il

Maltempo-Castellammare

La Protezione civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica di livello Giallo a partire dalle 21 di oggi e valida fino alle 15 di domani, sabato 23 gennaio. L’allerta riguarda tutte le zone della Campania ad esclusione della 4 (Alta Irpinia e Sannio) e della 7 (Tanagro) dove le condizioni meteo sono tali da non determinare criticità (livello Verde). Si prevedono precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio e temporale, venti localmente forti dai quadranti occidentali con raffiche, mare agitato con possibili mareggiate lungo le coste esposte, e in particolare quelle del litorale della Piana campana, di Napoli, delle isole del Golfo e della penisola Sorrentino-amalfitana.
I fenomeni temporaleschi saranno caratterizzati da incertezza previsionale e rapidità di evoluzione. Si raccomanda pertanto la massima attenzione anche per effetto di possibili grandinate e fulminazioni. La Protezione civile individua anche i possibili fenomeni di impatto al suolo legati al rischio di dissesto idrogeologico: possibili danni alle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso, alle coperture e al verde pubblico (con caduta di rami o alberi); ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale; possibili allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno; scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali, possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree depresse.
Si raccomanda alle autorità competenti di “porre in essere tutte le misure atte a prevenire, mitigare e contrastare i fenomeni previsti sia in odine al rischio idrogeologico che in ordine ai venti forti e al moto ondoso, anche in linea con i Piani comunali di protezione civile”. Si segnala “la necessità di attivare il monitoraggio del verde pubblico e delle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del mare nonché di prestare attenzione alle successive comunicazioni della Protezione civile della Regione Campania in ordine alle allerte meteo e agli avvisi”.


Cronaca

Covid, Terzigno primo comune dell’area vesuviana a proclamarsi zona rossa

Pubblicato

il

carabinieri-generico

Terzigno. Stretta sugli assembramenti a Terzigno, comune dell’area vesuviana, nella settimana tra il 22 e il 28 febbraio, si è registrata un’incidenza di nuovi positivi per 100mila abitanti pari a 589,2, a fronte del dato complessivo dell’intera Campania pari a 227,81. Il sindaco Francesco Ranieri ha firmato un’ordinanza per far fronte alle “numerose segnalazioni di persone, e in particolare minori, che sostano in prossimità di esercizi commerciali o in piazze e strade, prive dei dispositivi di protezione prescritti”. L’ordinanza dispone, da venerdì 5 a domenica 21 marzo, il “divieto di stazionare e fermarsi nelle piazze e strade cittadine dalle ore 5 alle ore 22, salvo che per motivate e comprovate esigenze lavorative o di studio o situazioni di necessità o per motivi di salute, ovvero per la necessità di usufruire di servizi non sospesi”. Analogamente, viene disposto il divieto di fumare e consumare bevande in piazze e strade dalle 5 alle 22 e il divieto di circolazione, per tutto l’arco della giornata, di automobili con a bordo più di due persone non conviventi. Coprifuoco per i minorenni dalle 18 alle 22 se non accompagnati da un maggiorenne convivente. Nell’ordinanza si invita inoltre tutti i cittadini “a non uscire di casa, fatto salvi i casi assolutamente indispensabili”, e i genitori “a vigilare affinché non consentano ai figli minorenni l’accesso in strade e luoghi pubblici senza essere accompagnati da un adulto e per comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità”. Ranieri, in un post su Facebook con il quale annuncia l’ordinanza, spiega: “Ho cercato fino alla fine di evitare il pugno duro confidando sempre nella mia comunità che si è sempre contraddistinta in precedenza. Purtroppo i numeri non ci danno ragione.

Continua a leggere