Seguici sui Social



Cronaca

A lavoro su nuovo Dpcm, ipotesi chiusure a Pasqua. Il Ministro Speranza: “Impegno del Governo sui ristori”

Pubblicato

il

Nuovo dpcm


Si lavora al nuovo dpcm che succederà alla scadenza di quello attualmente in vigore. La durata del nuovo dispositivo è di un mese e comprende anche le festività pasquali. Tra le ipotesi in campo è rendere i giorni di Pasqua e Pasquetta rossi così da limitare gli spostamenti. Intenzione è confermare il blocco della mobilità tra regioni la possibilità di istituire zone rosse a livello locale. Sarà in vigore dal 6 marzo al 6 aprile il nuovo Dpcm allo studio in queste ore con le misure di contrasto all’epidemia di Covid. Lo ha annunciato il ministro della Salute Roberto Speranza nei suoi interventi in Senato e alla Camera. Nel periodo sono quindi comprese le giornate di Pasqua (4 aprile) e Pasquetta (il 5). Impossibile prevedere già ora se sarà una Pasqua “in rosso” come lo scorso Natale: “L’evoluzione del quadro epidemiologico – ha detto Speranza – merita di essere seguita con la massima attenzione. Dovremo verificare, passo dopo passo, se le misure siano adeguate a fronteggiare la situazione che va delineandosi”. Sui ristori il Ministro della Salute ha confermato l’impegno del Governo. “C’è l’impegno del governo a congrui ristori per le attività che stanno soffrendo. Questo deve valere per le mie ordinanze che da ora andranno in vigore dal lunedì e per le misure regionali. Il prossimo dpcm varrà dal 6 marzo al 6 aprile e la bussola sarà la salvaguardia del diritto alla salute”. Intanto domani mattina si riunirà la cabina di regia Covid 19: all’ordine del giorno il Dpcm che il governo si appresta a varare. Al vertice, si apprende, parteciperanno il ministro della Salute, Roberto Speranza, il ministro per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini, e i rappresentanti delle Regioni, delle province e dei comuni.


Cronaca

Castellammare, violazione norme anticovid: chiuso bar in centro. E’ il quarto in 24 ore

Pubblicato

il

Castellammare

Continua l’ondata di chiusure per violazione delle norme anticovid

Castellammare di Stabia. Gli agenti della polizia municipale, sezione commerciale, agli ordini del comandante Antonio Vecchione e coordinati dal Tenente Donato Palmieri nel corso di controlli anticovid alle attività commerciali hanno sanzionato e chiuso un bar a Via Amato nel centro cittadino. Oggetto della sanzione è la vendita con modalità di asporto dopo le 18, quindi oltre orario consentito. Scattata la sanzione amministrativa e la chiusura di cinque giorni come disposizione accessoria.

LEGGI ANCHE:
Castellammare, operazione Alto Impatto dei carabinieri: chiuso un bar, due denunce e 9 sanzioni violazioni anticovid

E’ il quarto bar in città chiuso per violazione delle disposizioni anticovid in meno di 24 ore. Questa mattina è toccato ad un bar chiuso dai carabinieri nell’ambito di controlli ad Alto Impatto in città. emidav

Continua a leggere