Seguici sui Social

Politica

Covid, Patriarca (FI): “Accelerare il vaccino per l’estate, la Campania vive di turismo”

Pubblicato

il


«L’economia della Campania non può prescindere dal turismo, un settore che nella nostra regione produce un Pil del 15%. Per questo è necessario che si attivino tutti i player istituzionali per rilanciare il comparto, per il quale nei primi dieci mesi del 2020, sono state registrate mancate entrate per 710 milioni di euro, e un flusso pari a zero nel periodo natalizio, a causa della istituzione della zona rossa». Lo ha dichiarato Annarita Patriarca, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale. «Guardiamo con attenzione e fiducia al progetto allo studio della Regione Campania per la realizzazione di zone turistiche Covid free in vista della stagione estiva. Un piano che dovrebbe portare alla vaccinazione a tappeto degli operatori turistici che così potranno lavorare in assoluta sicurezza, e contestualmente rassicurare i visitatori che sceglieranno di passare periodi di vacanza nella nostra regione», ha continuato la forzista. «L’attenzione va focalizzata sulla città di Napoli, la location più rappresentativa del turismo campano, sulle isole e sulle località delle costiere sorrentina e amalfitana, dove gli effetti economici del Covid hanno spazzato via interi segmenti di imprenditoria ricettiva». «Sostegno va dato inoltre a proposte come quella che proviene da Federalberghi Campania che  chiede di riservare alle attività turistiche una quota dei fondi europei pari al 20 per cento dei Fse e Fesr per una grande campagna di promozione e rinnovamento».


Politica

Sprint finale per la giunta, ripartono le trattative. Due posti per tre liste: Lega, Dc e Cimmino Sindaco

Pubblicato

il

Lo sprint finale. Ripartono le trattative, fermate da problemi personali che esulano dalla politica. Già nel week end il sindaco Gaetano Cimmino è ritornato a dialogare con partiti e liste civiche. La situazione è cristallizzata a dieci giorni fa, quando ormai rebus giunta sembrava a un passo dalla soluzione.

Gli ultimi dubbi ruotano attorno a due nomine in particolare. Sono infatti due i posti per tre liste: Fondazione Dc, Cimmino sindaco e Lega. La scelta spetta direttamente al sindaco Cimmino.

Ricapitolando le nomine sicure o quasi sono le seguenti: per Cimmino sindaco Fulvio Calì all’Urbanistica con il grado di vicesindaco (e il presidente del consiglio Emanuele D’Apice); per Forza Italia Amedeo Di Nardo alle politiche sociali e Antonio Cimmino ai lavori pubblici; Solo per Castellammare punta su Sabrina Di Gennaro all’Ambiente; Fratelli d’Italia Silvana Cascone all’istruzione.

LEGGI  Variante inglese del Covid in Campania su 6 passeggeri in arrivo dal Regno Unito

Fondazione Dc non si smuove dal nome di Michele Sanzone per le deleghe di turismo e cultura. Il sindaco ora dovrà scegliere chi buttare giù dalla torre per far entrare un nome femminile della Lega (che non sarà Tina Donnarumma, recentemente nominata coordinatrice dell’area sud della provincia di Napoli). Quindi andrà fuori uno tra Michele Sanzone (Dc) e Gaetano De Stefano (Cimmino Sindaco). Nel caso in cui il sindaco dovesse scegliere Sanzone, l’ultima quota rosa andrebbe o alla Lega o alla lista Cimmino Sindaco.

Una schiarita è attesa per il prossimo fine settimana, quando potrebbe essere presentata la nuova squadra di governo cittadina.

Daniele Di Martino

Continua a leggere