Seguici sui Social

Cronaca

Fincantieri, impostata a Castellammare la sezione di prua della LSS “Jacques Chevallier”

Pubblicato

il


Le sezioni saranno costruite tutte nel cantiere di Castellammare di Stabia, con consegne a Chantiers de l’Atlantique programmate tra il 2021 e il 2027

Castellammare di Stabia. Si è svolta presso lo stabilimento di Castellammare di Stabia l’impostazione della sezione di prua di “Jacques Chevallier”, prima delle quattro unità di supporto logistico LSS, Logistic Support Ship, ordinate a Fincantieri da Chantiers de l’Atlantique nell’ambito del programma FLOTLOG. Le sezioni saranno costruite tutte nel cantiere di Castellammare di Stabia, con consegne a Chantiers de l’Atlantique programmate tra il 2021 e il 2027. Il programma FLOTLOG prevede la costruzione di quattro navi di supporto logistico per la Marina francese da parte del consorzio temporaneo formato da Chantiers de l’Atlantique e Naval Group nell’ambito del programma franco-italiano LSS guidato da OCCAR, l’Organizzazione per la cooperazione congiunta in materia di armamenti, per conto di DGA, la Direzione generale per gli armamenti francese, e della sua controparte italiana NAVARM. Il progetto LSS, al pari di quello delle altre unità del programma pluriennale per il rinnovamento della flotta della nostra Marina Militare, prevede per la nave un altissimo livello di innovazione, rendendola estremamente flessibile nei diversi profili di utilizzo e dotandola di un elevato grado di efficienza, oltre alle notevoli capacità di trasporto e trasferimento ad altre unità navali di carichi liquidi, quali gasolio, combustibile avio, acqua dolce, e solidi, come parti di rispetto, viveri e munizioni.

LEGGI  Maltempo, allerta meteo in Campania dalla mezzanotte

Cronaca

Gragnano, sconto tari del 20% a commercianti che resistono alla crisi del Covid

Pubblicato

il

Credito di imposta del 20% sulla tari 2021 per commercianti ed operatori turistici che resistono alla crisi del Covid

Gragnano. Il comune tende una mano alle attività commerciali che, alle prese dall’emergenza Coronavirus che ha portato ad un calo delle entrate, resistono e non chiudono mantenendo i livelli occupazionali. L’amministrazione guidata da Paolo Cimmino, utilizzando l’avanzo del ristoro previsto dalla Stato a favore degli enti locali nell’ambito del Decreto Ristori bis, ha predisposto che soggetti commerciali che hanno avuto un calo di vendita o dovuto chiudere le attività a causa dell’emergenza Coronavirus uno “sconto” straordinario a valere sul pagamento della Tari 2021. Il budget messo a disposizione è di 150 mila euro e verrà assegnato sulla base di un avviso pubblico e della verifica dei requisiti. Il contributo sarà, infatti, erogato solo al momento del pagamento della quota Tari 2021, mediante un meccanismo di riemissione dell’avviso con uno sconto del 20% da parte del concessionario alla riscossione Publiservizi. «Abbiamo utilizzato – spiega il primo cittadino – i risparmi del Decreto Ristori per sostenere lo sforzo di quasi tutti gli operatori commerciali e turistici di Gragnano. Si tratta di una misura che segnala il modo originale attraverso cui la fiscalità comunale può aiutare commercio e occupazione. Ci auguriamo di poter ripetere questa operazione anche nel 2022, in relazione al maggior peso dell’autonomia finanziaria degli enti locali. Il provvedimento adottato segnala come le buone pratiche dei Comuni possano sostenere la ripresa della nostra economia, soprattutto se ci sarà un’espansione dei trasferimenti dal centro agli enti locali». Mariarosaria Greco

LEGGI  Inquinamento del Fiume Sarno, altra interrogazione in Parlamento
Continua a leggere