Seguici sui Social

Politica

Giunta, ci siamo! Domani il vertice decisivo a Palazzo Farnese: la Lega resta fuori

Pubblicato

il


Siamo di nuovo agli annunci. Questa volta, senza ulteriori colpi di scena, il sindaco Cimmino è intenzionato a dare il via libera alla nuova giunta. Non prima di un ultimo confronto con i partiti. E’ stato convocato per domani sera, infatti, il vertice tra tutti gli alleati. Un interpartitico decisivo nel quale il primo cittadino passerà agli annunci, con la presentazione alla stampa probabilmente fissata sabato mattina. La road map è tracciata, nonostante le ultime fibrillazioni che ha visto protagonista il coordinatore di Forza Italia, Nello Di Nardo. Alla fine il sindaco sembra aver trovato la quadra, accontentando un po’ tutti (o quasi).

Dalle ultime notizie che trapelano da Palazzo Farnese, la Lega non entrerebbe in giunta (almeno per ora!). E quindi questa dovrebbe essere per grosse linee la nuova squadra di governo. Per Cimmino sindaco c’è Fulvio Calì all’Urbanistica (vicesindaco), mentre è ancora in bilico la nomina di Rosanna De Simone. In extremis potrebbe spuntare un altro nome.

LEGGI  Scala bacchetta Cimmino:" In due anni fallimenti, è il momento di ripartire"

Per Forza Italia: Amedeo Di Nardo, nipote del coordinatore Nello, con delega alle politiche sociali e bilancio, Antonio Cimmino ai lavori pubblici. «Solo per Castellammare» schiera Sabrina Di Gennaro all’Ambiente. Democrazia Cristiana punta su Michele Sanzone al turismo e attività produttive. Fratelli d’Italia nomina la professoressa Silvana Cascone all’Istruzione.

Daniele Di Martino


Politica

L’ironia di Scafarto. Replica a Iovino (Pd): “Sono mortificato per non aver portato avanti i suoi progetti”

Pubblicato

il

SCAFARTO

Gianpaolo Scafarto replica con ironia agli attacchi di Francesco Iovino del Pd: “Iovino ha ragione quando celebra la messa di requiem. Sono stati 2 anni e mezzo di vacua azione amministrativa – è l’ironica risposta dell’assessore alla viabilità e padre del piano urbano – Sono mortificato nell’essere stato incapace di portare avanti i suoi progetti ma anche degli altri che lo hanno preceduto. Hanno lasciato una grande eredità che mio malgrado nonostante gli sforzi ed i miei modesti mezzi, non ho saputo raccogliere. Hai ragione Iovino, la mia azione è stata insufficiente, delirante, inconsistente… Etc… Mi auguro per il bene di Castellammare che tu Iovino e chi ti sostiene possiate presto passare dalle parole ai fatti, per riprendere quel magnifico percorso che avete iniziato molto tempo fa”.

Continua a leggere