Seguici sui Social



Politica

Covid, l’allarme di Patriarca (FI): «A Castellammare serve screening di massa»

Pubblicato

il



«Nelle prossime ore presenterò una proposta al presidente Vincenzo De Luca finalizzata a mettere in campo immediate e robuste contromisure utili al contrasto della diffusione del Covid a Castellammare di Stabia, dove si registrano oltre 2.000 casi e un aumento esponenziale dei contagi». Lo ha dichiarato Annarita Patriarca, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale. «Penso a postazioni attrezzate dove effettuare screening a tappeto sugli abitanti così da individuare i positivi asintomatici, ancora oggi il mezzo di trasmissione del virus più difficile da censire e, di conseguenza, da tenere sotto controllo – ha continuato l’esponente del partito di Silvio Berlusconi -. A Castellammare la situazione merita la massima attenzione. Nell’ultima settimana è stata rilevata una incidenza di 930 nuovi contagiati, un tasso elevatissimo rispetto alla media della Campania pure in crescita. Lo scenario si fa ancora più critico se si considera che l’ospedale San Leonardo, sempre più in affanno nonostante il sacrificio e l’abnegazione del personale sanitario, è diventato il punto di riferimento di medicina territoriale per quasi un milione di utenti». «Finora, il sindaco Gaetano Cimmino ha adottato tutti i provvedimenti necessari per far fronte all’emergenza sanitaria, anche rafforzando la zona arancione disposta il 19 febbraio scorso, ma adesso è necessario agire con un intervento ancora più stringente per impedire che inconsapevoli vettori asintomatici del virus continuino a trasmettere l’infezione e a far crescere la curva epidemiologica». «Per questo, chiederò al governatore De Luca di organizzare nel più breve tempo possibile azioni mirate di controllo che riguardino l’intera cittadinanza con campagne di tamponi antigenici. Bisogna tutelare la salute dei cittadini stabiesi, sempre più preoccupati per l’incremento dei contagi e per le pesanti ripercussioni che il Covid sta avendo sul tessuto sociale e sull’economia locale. Il gruppo regionale di Forza Italia è al fianco del sindaco Gaetano Cimmino in questo momento di difficoltà», ha concluso il capogruppo regionale.


Politica

Bobbio salvato dalla prescrizione. L’ex pm pronto a rientrare sulla scena politica

Pubblicato

il

La prescrizione salva l’ex sindaco Luigi Bobbio. Il famoso processo sulla cabina di regia, finisce con una sola condanna in appello per Francesco De Vita (4 anni per peculato), il testimone di nozze dell’ex pm antimafia, oltre all’assoluzione con formula piena di Vincenzo Battinelli, ex dirigente comunale.

La posizione di Bobbio quindi viene prescritta, in merito all’accusa di abuso d’ufficio costata una condanna in primo grado a un anno e otto mesi. Ci sono voluti quattro anni, infatti, per fissare il processo d’appello. Troppo. Per cui tutte le accuse vengono cancellate.

A questo punto l’ex sindaco si libera definitivamente da tutti i fardelli giudiziari o quasi: prescritte le accuse sulla cabina di regia, assolto in appello per corruzione e un altro abuso d’ufficio. Resta la condanna in appello della Corte dei Conti sempre sulla cabina di regia, per la quale deve restituire oltre 160mila euro al Comune di Castellammare, vale a dire il compenso ricevuto in quegli anni da Francesco De Vita.

A questo punto, Luigi Bobbio potrebbe ritornare di nuovo in pista dopo quasi un decennio di assenza dalla scena politica. Potrebbe farlo proprio con Fratelli d’Italia, il partito di cui è rimasto sostenitore negli ultimi anni.

Daniele Di Martino

Continua a leggere