Seguici sui Social

Sport

Toffees, il Jack Russell stabiese mascotte di Everton Italia


Pubblicato

il

Toffees, cucciola di Gianluca e Dionisia coppia di Castellammare di Stabia è stata scelta in maniera simpatica come Mascotte del gruppo Everton Italia. La frase Nomen omen “il nome è un presagio”, “un nome un destino”, “il destino nel nome”, ha fatto sì che il Direttivo scegliesse la piccola con tanto di vestito della festa per il simpatico evento. Nei giorni scorsi alla cucciola di Jack Russell è stato ufficialmente conferito il “titolo” di mascotte. L’Everton, squadra che milita nella Premier campionato inglese, è una società di grande fascino e blasone ma sono anni che non riesce a vincere qualcosa di importante. La speranza per i tifosi è che la piccola Toffees possa portare fortuna e regalare al popolo dei “Toffees” quella gioia che sicuramente meritano. Nomen omen sperando che possa portare quel pizzico di fortuna. Welcome Cucciola!

LEGGI ANCHE: 
Caos Juve Stabia,  la lettera di Mercatelli ai fratelli Langella: «La città merita rispetto» 


Continua a leggere

Sport

Circolo Nautico, l’ex campione Amitrano: «Bene la volontà di rilanciare la struttura»

L’ex campione interviene sul futuro del glorioso circolo nautico stabiese

Pubblicato

il


Castellammare di Stabia. Bene il rilancio del circolo nautico di Castellammare di Stabia con investimenti precisi e mirati che riusciranno a mantenere viva l’attività sportiva. A dirlo in una nota è l’ex Campione e Canottiere Salvatore Amitrano che commenta così le intenzioni del Presidente del Circolo Antonio De Sinno di investire sulla struttura puntando su sport e canottaggio. «Abbiamo appreso direttamente dal presidente che c’è volontà di investire nel canottaggio a Castellammare e che l’attività sportiva che ha reso grande e conosciuto in tutto il mondo il Circolo proseguirà – scrive in una nota – Abbiamo appreso anche che ci saranno investimenti, che la palestra verrà riservata anche ai ragazzi che praticano canottaggio, che sarà ristrutturata la vasca voga, che saranno acquistate barche che potranno consentire l’attività agonistica così da sostituire quelle che ormai sono obsolete non adatte alle competizioni. Siamo contenti soprattutto che si riuscirà a mantenere viva l’attività e, in tempi brevi, come l’arrivo di nuovi soci, per questo facciamo i complimenti al Presidente, speriamo che ugualmente si faccia ripartire in maniera seria l’attività dei più piccoli a titolo gratuito come lo era una volta, ciò permetterebbe sicuramente di incrementare il numero di iscritti e quindi la base su cui lavorare e costruire gli atleti di domani. Affossare un’attività del genere si riesce in un attimo, per farla ripartire a quei livelli da zero è difficilissimo, ci vogliono anni e anni. Per non parlare della formazione di un atleta che possa competere a livello nazionale e internazionale: in quel caso ci vogliono sacrifici e anni di lavoro e allenamenti, in media 8-10 anni. Bisogna fare in fretta, altrimenti gli sforzi prodigati per anni rischiano di essere vani. Staremo a guardare che questo accada e saremo i primi tifosi del Circolo Nautico Stabia, affinché torni ad essere fucina di talenti per questo magnifico sport».

Continua a leggere

Trending