Seguici sui Social

Sport

Caos Juve Stabia,  la lettera di Mercatelli ai fratelli Langella: «La città merita rispetto» 


Pubblicato

il

«I fratelli Langella dovrebbero cominciare ad avere rispetto della tradizione, della storia, della città e dei tifosi»

Castellammare di Stabia. Sul caos Juve Stabia e le incertezze sul futuro dopo un ottimo campionato disputato e conclusosi al secondo turno di Play-Off interviene anche Giuseppe Mercatelli, ex consigliere comunale, giornalista e da sempre vicino alla realtà gialloblù. Mercatelli ha scritto una lettera pubblica ai fratelli Langella che riassume anche a grandi linee il pensiero e la posizione di tantissimi tifosi della Juve Stabia.

«Subentrare ad un presidente in grado di raggiungere 2 promozioni in serie B non è facile… anzi è una sfida quasi impossibile. Eppure accade. Il dopo Manniello (grazie per sempre Franco) avviene con al timone delle Vespe i fratelli Langella. Persone perbene, imprenditori medi che giungono dalla vicina San Giuseppe Vesuviano. Dopo un anno sufficiente, figlio della gestione Manniello, i due fratelli Langella si apprestano a varare la prima Juve Stabia frutto del loro essere».

«Conferenza stampa di qualche settimana or sono con esternazioni particolari, del tipo “e qui comandiamo noi… a chi non sta bene, quella è la porta”. Oppure per esser più in linea con il loro essere “sarà una gestione molto oculata, molti sacrifici per un progetto all’insegna di pochi euro”. E sin qui nulla di anormale, vista la crisi economica generale.  I Langella così salutano il tecnico Paladino, reo di voler migliorare i playoff della stagione appena terminata, nonché il bomber Marotta, quel fiore all’occhiello sul quale si poteva costruire un prato fiorito di successi.
Poche ore dopo una conferenza che riabilita persino la gestione “paesana” dell’ex patron Cesarano, scappano molti altri big. Via il direttore Pavone e via i nomi più importanti sui quali investire per un prossimo campionato da vertice. A fine giugno la Juve Stabia si ritrova senza Direttore Sportivo, senza tecnico… senza niente. Eppure i Langella hanno avuto tanto da Castellammare, come la gestione dello stadio Menti per “4 spiccioli”, una tifoseria sempre pronta al sostegno e giornalisti silenti per non vedersi inserire nell’elenco dei non desiderati. Ma i conti non tornano… anzi i conti non sono stati ancora fatti. Per essere sinceri, i conti qualcuno non sa nemmeno cosa siano. Conti che oggi mortificato la storia di questo club, di una società che nessuno e ripeto nessuno… ha obbligato di prelevare ai fratelli Langella. Guidare economicamente la Juve Stabia è un onore, non solo un obbligo. Un onore calpestato in queste ore dai fratelli Langella che dovrebbero cominciare ad avere rispetto della tradizione, della storia, della città, dei tifosi, ma soprattutto di un passato non troppo lontano. Quando si entra in casa altrui, si bussa, si chiede permesso e con educa si programma. La Juve Stabia – conclude Giuseppe Mercatelli – è e resterà dei stabiesi… e per questo va rispettata e non trattata come uno strofinaccio per pure le proprie incompetente».

 


Continua a leggere

Sport

Circolo Nautico, l’ex campione Amitrano: «Bene la volontà di rilanciare la struttura»

L’ex campione interviene sul futuro del glorioso circolo nautico stabiese

Pubblicato

il


Castellammare di Stabia. Bene il rilancio del circolo nautico di Castellammare di Stabia con investimenti precisi e mirati che riusciranno a mantenere viva l’attività sportiva. A dirlo in una nota è l’ex Campione e Canottiere Salvatore Amitrano che commenta così le intenzioni del Presidente del Circolo Antonio De Sinno di investire sulla struttura puntando su sport e canottaggio. «Abbiamo appreso direttamente dal presidente che c’è volontà di investire nel canottaggio a Castellammare e che l’attività sportiva che ha reso grande e conosciuto in tutto il mondo il Circolo proseguirà – scrive in una nota – Abbiamo appreso anche che ci saranno investimenti, che la palestra verrà riservata anche ai ragazzi che praticano canottaggio, che sarà ristrutturata la vasca voga, che saranno acquistate barche che potranno consentire l’attività agonistica così da sostituire quelle che ormai sono obsolete non adatte alle competizioni. Siamo contenti soprattutto che si riuscirà a mantenere viva l’attività e, in tempi brevi, come l’arrivo di nuovi soci, per questo facciamo i complimenti al Presidente, speriamo che ugualmente si faccia ripartire in maniera seria l’attività dei più piccoli a titolo gratuito come lo era una volta, ciò permetterebbe sicuramente di incrementare il numero di iscritti e quindi la base su cui lavorare e costruire gli atleti di domani. Affossare un’attività del genere si riesce in un attimo, per farla ripartire a quei livelli da zero è difficilissimo, ci vogliono anni e anni. Per non parlare della formazione di un atleta che possa competere a livello nazionale e internazionale: in quel caso ci vogliono sacrifici e anni di lavoro e allenamenti, in media 8-10 anni. Bisogna fare in fretta, altrimenti gli sforzi prodigati per anni rischiano di essere vani. Staremo a guardare che questo accada e saremo i primi tifosi del Circolo Nautico Stabia, affinché torni ad essere fucina di talenti per questo magnifico sport».

Continua a leggere

Trending