Seguici sui Social

Politica

Arrivano 15 milioni per rifare il quartiere Savorito

Il Governo finanzia l’opera e approva il progetto del Comune di Castellammare

Pubblicato

il

Rione-Savorito


Quindici milioni di euro per rifare il quartiere Savorito. Ad annunciarlo è il sindaco Gaetano Cimmino. Dal ministero arrivano i fondi per la rigenerazione urbana del Savorito.

“Il progetto presentato al programma ministeriale Pinqua, incentrato sulla riqualificazione del quartiere Savorito, è stato ritenuto meritevole di un finanziamento da 15 milioni di euro da parte del ministero delle Infrastrutture – spiega il sindaco – Un risultato che premia la capacità di coniugare competenza, professionalità e soprattutto la grande passione e l’amore per la propria città. Continuiamo senza sosta a partecipare a tutti i bandi ministeriali e regionali e ad ottenere fondi per la riqualificazione della nostra città. Il nostro progetto si è piazzato al 98esimo posto della graduatoria nazionale, il terzo in tutta la Regione Campania.

I 15 milioni che il ministero ci ha assegnato rientreranno in un programma di ampio respiro, per un valore complessivo di circa 70 milioni di euro, che prevede la realizzazione di 277 alloggi nel quartiere in cui ancora oggi persistono i prefabbricati post-terremoto, rimasti lì da quasi 40 anni a dispetto delle promesse e dei proclami di chi ha governato in passato.

Il ministero ha premiato il nostro attento ed articolato studio, in continuità con le linee di programmazione declinate nel Dos e nel preliminare del Puc, che trae spunto dalla disamina delle criticità che da decenni mortificano un pezzo del territorio stabiese ed i suoi abitanti.

Potremo così realizzare moderni edifici progettati all’insegna dell’integrazione sociale, della sostenibilità ambientale ed energetica e soprattutto della qualità della vita, della civiltà e della legalità, che rappresentano da sempre i capisaldi della nostra azione amministrativa”, ha concluso Cimmino.


Politica

Castellammare volta la faccia a Di Maio, solo Cirillo tentato dal ministro

Il Movimento Cinque Stelle stabiese compatto con Conte. Il consigliere regionale deve sciogliere ancora la riserva

Pubblicato

il

piccione

Mentre Luigi Di Maio fa campagna acquisiti nei consigli comunali della provincia di Napoli, a Castellammare sembra tutti schierarsi con Giuseppe Conte. Nessuna emorragia per i grillini stabiesi. Le stesse deputate Carmen Di Lauro e Teresa Manzo si sono schierate sin dal primo momento con il Movimento. Anche tra gli iscritti ed ex consiglieri comunali, nessuno è stato attirato dalle sirene di Luigi Di Maio. +

L’unico che starebbe valutando l’ipotesi di abbracciare “Insieme per il Futuro” è Luigi Cirillo, consigliere regionale eletto nel movimento Cinque Stelle per la seconda volta tra i banchi del centro direzionale. Del resto in Regione sono in tanti a seguire il ministro degli Esteri, compresa la Ciarambino. Ci sarebbe addirittura un accordo per entrare in maggioranza, come infatti l’invito di De Luca a Di Maio è stato quello di creare insieme una grande forza riformista. E quindi avanti con le grandi manovre.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica