Seguici sui Social

Cronaca

Fincantieri, venerdì pomeriggio manifestazione dei sindacati: «Non al ridimensionamento del cantiere»

Pubblicato

il

fincantieri-castellammare


«Chiediamo un progetto di lungo termine per produrre navi e dare lavoro alla città»

Castellammare di Stabia. Una manifestazione per «difendere» il cantiere navale. E’ l’ennesimo corteo delle ultime settimane organizzato dalle sigle sindacali (FIM CISL FIOM CGIL UILM UIL) dopo che si è manifestata la volontà di una serie di interventi sull’area portuale che vedrebbe l’attracco di navi da crociera lungo la banchina di servizio del cantiere.

LEGGI ANCHE:
Operai Fincantieri bloccano la statale sorrentina: «Vogliamo certezze sul futuro»

Progetti di sviluppo che secondo i sindacati «mettono seriamente in discussione il futuro di questo cantiere: lo spostamento di alcune attività, e il restringimento delle aree portuali dedicate alla cantieristica, rischiano di pregiudicare definitivamente la possibilità di costruire navi, attività cui è vocato questo cantiere e che deve restare obiettivo prioritario della politica e delle istituzioni a tutti i livelli. Siamo contrari, infatti, all’idea di “declassare” il cantiere navale, facendolo diventare una sorta di officina destinata a riparazioni e piccole lavorazioni; pensiamo, al contrario, che Castellammare debba, come accade da secoli, produrre e varare navi».

Il cantiere non in contrasto con lo sviluppo turistico. «Siamo favorevoli allo sviluppo turistico del territorio: il turismo può, e anzi deve rappresentare una leva fondamentale del nostro sviluppo, per creare buona occupazione o soprattutto per valorizzare il nostro territorio. Questo sviluppo turistico – scrivono FIM, CISL, FIOM,CGIL, UILM, UIL, – deve passare attraverso la valorizzazione dell’ambiente e della sua biodiversità, della storia del territorio e del suo patrimonio ambientale, oltre che del suo enorme portato culturale e gastronomico. Perciò pensiamo che il turismo nella nostra terra vada incentivato puntando sulla rigenerazione urbana, sulla bonifica del Fiume Sarno, sulla mobilità sostenibile, sul recupero dei quartieri degradati, sulla ristorazione e sull’accoglienza di qualità che si realizza valorizzando le maestranze e le produzioni del territorio. Il cantiere navale non è in alcun modo in conflitto con lo sviluppo turistico: sono altre, semmai, le criticità da risolvere che frenano l’arrivo dei turisti, come appunto l’inquinamento del Fiume Sarno e la pervasività della presenza camorristica».

Sulla base di questo è stata organizzata una manifestazione, il 30 luglio alle 18, che partirà dallo stabilimento di piazzale Amendola fino alla Cassarmonica, alla quale i sindacati invitano anche i cittadini a partecipare perchè «Il cantiere navale di Castellammare di Stabia rappresenta un tratto distintivo della nostra storia, che ha reso orgogliose intere generazioni di stabiesi, ed è per tante operaie e tanti operai fonte di reddito e di sostentamento. Inoltre, per tanti giovani quel cantiere rappresenta una speranza di costruire qui, nella propria città, una vita e un’avvenire fondati sulla dignità del lavoro». Emilio D’Averio


Cronaca

Castellammare, terza edizione di “Stabia in versi” dedicata a Nadio De Rosa

Il concorso giunto alla terza edizione è stato dedicato al decano dei commercianti Nadio De Rosa, scomparso l’anno scorso

Pubblicato

il

Stabia

Castellammare di Stabia. Si è conclusa sabato la terza edizione di “Stabia in Versi”, concorso letterario e poetico che ha l’obiettivo di diffondere la cultura e l’arte attraverso la scrittura. Il concorso e il Galà per la cerimonia di premiazione sono stati creati e organizzati da Teresa Esposito, con la collaborazione dell’ Associazione” Garden Club Stabiae”. La Rassegna ha visto anche partecipazione di autori e scrittori internazionali con la funzione di diffondere anche un messaggio di pace di cui la kermesse si fa promotrice. L’edizione di quest’anno, che arriva dopo lo stop dovuto all’emergenza sanitaria, ha suscitato particolare attenzione, poichè dedicata a Nadio De Rosa, decano dei commercianti di Castellammare di Stabia, e persona molto conosciuta in città per le sue diverse iniziative in ambito sociale. Nadio De Rosa, titolare di un’attività in centro, si è sempre speso per la città ed è stato promotore di tantissimi eventi nel corso degli anni.

Alla manifestazione anche Vincenzo Ungaro, Presidente Onorario del concorso, tra i componenti della giuria che si è detto «particolarmente orgoglioso ed emozionato non solo perchè ancora una volta – ha scritto sui social – ho ricevuto l’onore di presiedere in qualità di presidente onorario questo bellissimo concorso di poesia ma ancor di più in quanto la manifestazione quest’anno è dedicata ad un caro amico, Nadio De Rosa, che purtroppo l’amaro destino ci ha voluto portare via, portare via dalla sua Splendida Famiglia, dai suoi affetti, dalle sue amicizie più care che lui amava e coltivava in maniera impareggiabile… dalle passioni che lo vedevano sempre primo protagonista in battaglie spesso difficili». Successo anche sui social per l’iniziativa che ha coinvolto persone illustri in ambito artistico e letterario. «Confesso: ho partecipato a svariati concorsi, vincendone diversi, ma alla Rassegna Letteraria & Poetica: Concorso Intercontinentale “Stabia in Versi”, in quel di Castellammare di Stabia, io mi diverto tanto – ha scritto l’autrice Emilia Testa di Bologna – Non solo per la location, indubbiamente bella, ma, soprattutto, perché Teresa Esposito, abile organizzatrice della rassegna, riesce a creare una giusta commistione di cultura, divertimento e simpatia. Tre cose che mettono d’accordo tutti e creano un evento che è un incontro di anime e di sorrisi che si riconoscono». Così anche il poeta Milanese Flavio Provini che ai ringraziamenti ai giurati ha aggiunto anche un encomio alla “padrona di casa” Teresa Esposito, «capace di unire un grande carisma nella conduzione dell’evento ad una buona dose di ilarità che ha conferito un tono informale e gradevole alla Cerimonia di Premiazione. Eh sì, mi sono divertito (cosa non sempre scontata) e naturalmente emozionato». Infine il dottore Giovanni Macrì di Messina che ha parlato di «concorso letterario magistralmente diretto dalla vulcanica e inarrestabile prof.ssa Teresa Esposito. Un pomeriggio, sì afoso, ma sicuramente ventilato dalle emozioni suscitate dai versi declamati dai vari poeti che si sono alternati al microfono».

I vincitori
SEZIONE A – IL PODIO
DALLA PRIMA ALLA SESTA CLASSIFICATA IN ORDINE ALFABETICO PER OPERA:
“Elegia del vento” di IANNUZZI GENNARO. 3 CLASSIFICATO
“Fratelli di terra” di FRANCESCO SAVERIO CAPRIA 4 PREMIO DELLA GIURIA
“Il canto del poeta” di ANNALINA PARADISO. 2 CLASSIFICATA
“Non voglio ricordare” di ANGELA ROSSI (LARA SWAN) 5 PREMIO DELLA CRITICA
“Un fiocco misero di polvere” di FLAVIO PROVINI 1 CLASSIFICATO

PREMO SPECIALE “ REGGIA QUISISANA” ALL’OPERA: “Fotogrammi di VINCENZO CERASUOLO
PREMIO SPECIALE “Lello Radice” ALL’OPERA: “Senza Rumore” di FRANCESCO ROSSI (IGOR ISSORF).
PREMIO SPECIALE “ Stabiae, la città delle acque” ALL’OPERA: “Ti lascio un sorriso e una rosa” di ANNA MARIA DEODATO.
PREMIO SPECIALE “Garden Club Stabiae” ALL’OPERA: “Anziani soli” di ANTONIO BOTTA.
PREMIO SPECIALE “ Stabiae, la città dell’arte” all’opera : ““I miei sogni” di PATRIZIA CAVALLONE
PREMIO SPECIALE “Stabia in Versi” all’opera “Lo stesso albero” di NUCCIO CASTELLINO
PREMIO SPECIALE “Nadio De Rosa” all’opera “Il dolore dell’anima di LUCIANO GIOVANNINI

SEZIONE B
PODIO
DALLA PRIMA ALLA QUINTA CLASSIFICATA IN ORDINE ALFABETICO PER OPERA:
DIALETTO:
CAMPANO
“E Napule” di GIUSEPPE CASSESE 3 CLASSIFICATO
“Femmene accattate” di ANDREA SBARRA 5 CLASSIFICATO premio della critica
“L’Amica mia” di ORLANDINO DE PASQUA 2 CLASSIFICATO
“LL’Angiulillo” di VINCENZO CERASUOLO 1 CLASSIFICATO
“’Na mamma ‘e piscatori” di VINCENZO RUSSO 4CLASSIFICATO premio della giuria
PUGLIESE
“Solëtudene i Sëlenzie” di APOLLONIA ANGIULLI 1 CLASSIFICATO
CALABRESE
“Munnu amear” di ANGELO CANINO 1 CLASSIFICATO
“Volissi ‘a paci” di CARMINE LAURENDI 2 CLASSIFICATO
SICILIANO
“Arrivau l’ura” di GRAZIA DOTTORE 3 CLASSIFICATO
“A paccia ‘ll’omini” di GIOVANNI MACRI’ 2 CLASSIFICATO
“Lu trenu du passatu” di RITA SCELFO 1 CLASSIFICATO

SEZ C
PODIO
DALLA PRIMA ALLA QUINTA CLASSIFICATA IN ORDINE ALFABETICO PER OPERA:
“Il mondo visto da quaggiù” di LUCIANO GIOVANNINI 2 CLASSIFICATO
“Il risveglio di Ewa” di ANNA MARIA DEODATO 4 CLASSIFICATO premio della giuria
“I lupi alle ossa” di PIETRO VIZZINI 3 CLASSIFICATO
“Piccola Noa di ANNALISA MELONI (ALISA MILANI) 1CLASSIFICATO
“Quanto vale una vita” di VIRGILIO PERNA 5 CLASSIFICATO premio della critica

SEZ. D
PODIO
DALLA PRIMA ALLA QUINTA CLASSIFICATA IN ORDINE ALFABETICO PER OPERA:
“Il silenzio” di LUISA DI FRANCESCO 3 CLASSIFICATO
“La madre terra” di PATRIZIA CAVALLONE 4 CLASSIFICATO premio della giuria
“L’attesa” di EMILIA TESTA 1 CLASSIFICATO
“Speranza “ di CERASUOLO VINCENZO 2 CLASSIFICATO
“Un quarto d’ora di gloria” di FRANCESCO GIANNOTTI 5 CLASSIFICATO premio della critica

SEZIONE E
PODIO

“A la magnolia” di LORENZO SPURIO 4 CLASSIFICATO PREMIO DELLA CRITICA
“Copilaria pierduta” di AGAPIA TUDOSE 5 CLASSIFICATA premio della giuria
“Jeune fille kurde” di MARCO PERNA 1 CLASSIFICATO
“Only love versione francese” DI LUIGI MOLLO 2 CLASSIFICATO
“Si yo fuera” di ALFREDO SCOTTI 3 CLASSIFICATO

PREMIO DEL PRESIDENTE DEL CONCORSO ALLE OPERE:
“ A te Caino” di FRANCESCO GEMITO
“Io e te (la parola) di GAETANO NAPOLITANO
“Bambino” di CARLO ALFARO
“Librate nuvole attratte”di GIANNI ROMANIELLO
MENZIONI D’ONORE e SEGNALAZIONI DI MERITO ad altri autori

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica