Seguici sui Social

Politica

Fincantieri, rabbia social degli operai. Il sindaco: “Il progetto va avanti”. Scala: “Sono preoccupato”

Le reazioni dopo il tavolo in prefettura sul progetto del polo crocieristico nel porto di Castellammare

Pubblicato

il

fincantieri


Sui social rimbalzano le prime preoccupazioni dei lavoratori. “Stiamo morendo” dice qualcuno e le prime reazioni politiche sui tentennamenti di Fincantieri sono il sintomo di un clima tutt’altro che rassicurante. Il sindaco Gaetano Cimmino vuole andare avanti, insieme alla Regione, per realizzare il polo crocieristico e attacca ancora una volta i vertici dell’azienda: “La tutela del nostro cantiere navale rappresenta la nostra assoluta priorità. L’ho detto più volte a chiare lettere e l’ho ribadito anche oggi durante il tavolo tecnico in videocall con la Prefettura: le nostre maestranze rappresentano un patrimonio inestimabile di competenza e professionalità, che abbiamo il dovere di valorizzare e non possiamo assolutamente disperdere. Ringrazio il Prefetto Marco Valentini per la sensibilità dimostrata rispetto ad un tema di fondamentale importanza per il presente e il futuro della nostra città e di tutto il Meridione: la questione Fincantieri, infatti, non riguarda solo il nostro territorio ma coinvolge un bacino molto più ampio e articolato. E ringrazio tutti i partecipanti al tavolo istituzionale di confronto, sempre costruttivo e produttivo. La proprietà ha manifestato la volontà di intervenire per rimodernare lo stabilimento stabiese, ma ci saremmo attesi una proposta più concreta con tempi certi per dare sicurezza e garanzie ai lavoratori. Restano ancora intatte pertanto le mie preoccupazioni rispetto allo sviluppo del nostro cantiere navale. Mi auguro che questo tavolo tecnico possa essere l’occasione per aprire un confronto permanente con Fincantieri, Regione Campania e Autorità Portuale. E proprio con la Regione Campania e con Andrea Annunziata, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, andremo a delineare le prospettive di crescita e sviluppo della nostra area portuale, portando presto la discussione in consiglio comunale e tenendo sempre presente l’obiettivo fondamentale di dare tutela e garanzie per la valorizzazione del cantiere navale di Castellammare di Stabia”.
Preoccupato e non poco il consigliere Tonino Scala, coordinatore regionale di Sinistra Italiana: “Il bacino di costruzione non si farà, lo ha affermato oggi Fincantieri al tavolo in Prefettura. Ci saranno investimenti di 40 milioni di euro, per l’ammodernamento strutturale del cantiere e le opere finalizzate alla sicurezza, più altri 35 milioni che l’Autorità Portuale potrà investire sulla realizzazione della piattaforma semisommergibile, ma non ci sarà il bacino di costruzione che poteva mettere al sicuro il Cantieri per i prossimi venti anni. Resto preoccupato, molto preoccupato. Nel breve periodo ci sarà lavoro, ma per il futuro?”.


Politica

Scioglimento, ecco il “ricorso in bianco” per desecretare la relazione della commissione d’accesso

La strategia dell’ex sindaco per interrompere i termini e puntare a “smontare” le motivazioni del ministero

Pubblicato

il


Un ricorso “in bianco”. Così è stato definito durante le riunioni tenute dall’ex maggioranza di Gaetano Cimmino. Una soluzione prospettata dallo studio Clarizia, uno dei principi del foro di Roma, per interrompere i termini e tentare di ribaltare lo scioglimento per infiltrazioni camorristiche.

Stando a quanto depositato dagli avvocati dell’ex sindaco, si tratta quindi di un ricorso che principalmente punta a far desecretare le motivazioni che hanno spinto il governo a sciogliere il consiglio comunale. Perché in realtà, ufficialmente, questi atti non ci sono. Anche se il contenuto è ben noto per essere stato riportato dalle testate giornalistiche. Ma non sarà possibile smontare queste motivazioni, almeno per il momento. Quindi si proverà a richiedere gli atti ufficiali, che per il momento il Prefetto non ha concesso, per poi provare a fare un “ricorso nel ricorso” entrando nel merito della questione.

La maggior parte dell’ex maggioranza ha firmato senza battere ciglio, in tre invece non se la sono sentita di dare il mandato all’avvocato Clarizia.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica