Seguici sui Social

Politica

Elezioni, flop di Manzo e Cirillo a Gragnano. I motivi della resa

L’ex premier Conte non concede il simbolo M5S alla lista per le elezioni a Gragnano. Cirillo e Manzo spiegano le motivazioni


Pubblicato

il

Cirillo Manzo Gragano

Gragnano. Niente lista M5S a Gragnano dopo il no dell’ex premier Conte che non ha concesso il simbolo alla lista preparata dalla deputata Teresa Manzo e dal Consigliere Regionale Luigi Cirillo. Una lista che sarebbe dovuta confluire nella coalizione di Paolo Cimmino. Il no è arrivato al fotofinish, a pochissime ore dalla presentazione delle liste. A dire no sarebbe stato proprio il Premier Conte nonostante l’ok dei vertici del Movimento. I due esponenti dell’area Stabiese hanno diramato una nota stampa a due giorni dal no senza però spiegare le motivazioni che hanno spinto Conte a bocciare l’operato dei due parlamentari e ad uscire dalla coalizione. Sono stati «giorni molto impegnativi durante i quali, insieme agli attivisti gragnanesi, ci siamo confrontati sul ruolo che il Movimento 5 Stelle dovrà ricoprire nel prossimo futuro nella città di Gragnano» scrivono in una nota i pentastellati Cirillo e Manzo. «Le ultime evoluzioni nella coalizione a sostegno del sindaco uscente Paolo Cimmino sono state al centro di una attenta analisi e, malgrado l’impegno profuso nelle ultime settimane, siamo giunti alla conclusione di dover restare fuori – per il momento – dalla competizione elettorale. «Il tempo finora speso per costruire una coalizione attorno al sindaco uscente, però, non è andato perso – spiega Manzo – poiché ci è servito per costruire un gruppo di attivisti coeso e unito che vigilerà comunque sull’attuazione di quel programma elettorale che ha contribuito attivamente a redigere. Il Presidente Giuseppe Conte, col quale siamo stati in contatto in questi giorni – continuano Manzo e Cirillo – ha manifestato il suo apprezzamento per l’impegno profuso da quanti si sono messi a disposizione del M5S manifestando l’intenzione di candidarsi. A loro va anche il mio ringraziamento, precisando che questo momento non costituisce una battuta d’arresto, ma segna un nuovo inizio per l’attivismo Gragnanese. Siamo pronti a confrontarci costruttivamente con le istituzioni locali, confermando la piena adesione al progetto del Presidente Giuseppe Conte». mar.ven


Continua a leggere

Politica

Lastre di amianto nei locali abbandonati di villa Gabola

Il Comune programma la bonifica per oltre 11mila euro

Pubblicato

il

amianto

Lastre e canne fumarie di amianto nei locali abbandonati di villa Gabola. Il Comune, nel tentativo di effettuare un sopralluogo per la riqualificazione dell’immobile di fondazione ottocentesca del quartiere San Marco, si è imbattuto nella presenza di rifiuti speciali pericolosi. Così è stato programmato l’intervento per oltre 11mila euro

Per Villa Gabola e il suo parco è in corso la redazione di un progetto finalizzato alla “Realizzazione di un centro di aggregazione giovanile, Art Factory” con finanziamento europeo. Al momento è in corso la progettazione definitiva dell’interventi, ma si rende necessaria l’attività di bonifica al fine di consentire l’accesso in sicurezza dei progettisti incaricati del servizio di redazione del progetto definitivo ed esecutivo, dal momento che è stata rilevata la sospetta presenza di fibre amianto contenute all’interno del manufatto.

Continua a leggere

Trending