Seguici sui Social

Cronaca

Rifiuti ed erbacce alla “Basilio Cecchi” inizia così l’anno scolastico a Castellammare


Pubblicato

il

Castellammare di Stabia. Rifiuti ed erbacce alla “Basilio Cecchi”. Inizia così per i piccoli stabiesi l’anno scolastico in città. La denuncia social è di un genitore che ha postato sui social le immagini del degrado in cui versa la piazza antistante la popolosa scuola del centro cittadino nel primo giorno di lezione. Dalle foto scattate questa mattina è possibile notare le aiuole piene di rifiuti ed erbacce cresciute sui marciapiedi. Eppure appena due settimane fa l’amministrazione comunale aveva comunicato, attraverso i canali istituzionali, di interventi di pulizia e scerbatura delle aree esterne agli edifici scolastici proprio in vista del rientro in classe. Scene di degrado ed abbandono che è possibile ritrovare anche in altri punti e zone della città specialmente in periferia.


Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Castellammare, rivoluzione strisce blu: aumenta la sosta a pagamento in centro

Cambia la tariffa in centro e in periferia

Pubblicato

il


Castellammare di Stabia. Aumenta la sosta a pagamento nelle strisce blu in centro e diminuisce invece in periferia. E’ il piano stabilito dall’amministrazione comunale che sta predisponendo tutti gli atti per la nuova gara che vedrà l’affidamento del servizio di sosta a pagamento nella città di Castellammare di Stabia per i prossimi cinque anni. Attualmente questo tipo di lavoro è svolto dalla società Tmp. Le nuove tariffe prevedono una diminuzione del costo lungo le strade periferiche ed un aumento per le vie del centro. La sosta costerà due euro ogni ora dopo la prima che costerà sempre un euro mentre in periferia costerà cinquanta centesimi. Non ci sarà, almeno per ora, una tariffa differenziata tra residenti e non residenti come avviene anche in alcuni comuni limitrofi.

Tra le strade che vedranno l’aumento c’è tutta la “fascia costiera” da via Duilio all’intero Corso Garibaldi passando anche per strade interconnesse come Corso Vittorio Emanuele, parte di Corso De Gasperi, Via Gaeta, Via Michetti, Traversa Palazzo Terme, Traversa del Marinaro, Via Santa Maria dell’Orto e via IV Novembre. L’intervento rientra nell’ambito del nuovo piano urbano di mobilità voluto dall’amministrazione comunale a guida Gaetano Cimmino. L’aumento della sosta ha come obiettivo quello di disincentivare l’utilizzo delle automobili per raggiungere il centro città ed incentivare l’impiego di mezzi pubblici o ecosostenibili. L’annuncio di questa rivoluzione l’anno scorso e non furono poche le polemiche come del resto per tutto il piano di mobilità. Il nuovo “prezzario” andrà in vigore non prima del 2022 quando ci sarà una nuova impresa a gestire il servizio della sosta a pagamento.

 

Leggi anche: 
Castellammare, senso unico su Via Napoli: residenti sul piede di guerra

Continua a leggere

Trending