Seguici sui Social

Politica

Rifugiati afghani accolti in una casa confiscata al clan D’Alessandro

La proposta del sindaco Gaetano Cimmino alla Prefettura di utilizzare l’immobile di Scanzano

Pubblicato

il

rifugiati afghani accolti in una casa confiscata al clan d’alessandro


Una casa confiscata al clan D’Alessandro a Scanzano ospiterà i rifugiati afghani. Il Comune di Castellammare di Stabia ha risposto immediatamente all’appello della Prefettura ai sindaci dell’area metropolitana di Napoli per dare accoglienza ai rifugiati dell’Afghanistan, mettendo a disposizione un immobile confiscato nel 2009 alla camorra, sito in via Partoria 29, affidato al Consorzio Sole un decennio fa e attualmente disabitato.

“Ci siamo accorti che il Consorzio – ha spiegato il sindaco di Castellammare di Stabia Gaetano Cimmino – non aveva mai messo in campo alcuna attività all’interno dell’immobile confiscato, all’esito del lavoro minuzioso e certosino di ricognizione di tutti gli immobili comunali, che abbiamo avviato sin dall’inizio del mandato di questa amministrazione e completato di recente per contrastare l’azione della criminalità organizzata e per mettere ordine sul territorio cittadino”.

L’immobile necessita di piccole opere di manutenzione che potranno essere completate in tempi rapidi, per rispondere alle richieste della Prefettura. Il sindaco ha interloquito proprio con la Prefettura ieri sera nel corso della riunione con i rappresentanti dei Comuni dell’area metropolitana di Napoli. 

“Siamo pronti a dare accoglienza ai rifugiati afghani e ad attivare azioni concrete ed esemplari in questo slancio collettivo di umanità e solidarietà nei confronti di chi oggi si trova costretto a fuggire proprio Paese di origine”, ha concluso il primo cittadino.


Politica

Arrivano 12 milioni per il rilancio delle Antiche Terme

Finanziamento con il contratto di sviluppo

Pubblicato

il


Con la firma del Contratto Istituzionale di Sviluppo, Castellammare beneficerà di 12 milioni di euro per la riqualificazione delle Antiche Terme e per la realizzazione del Parco delle Acque. Un progetto che nasce da una precisa scelta politica della mia amministrazione, che ha deciso di puntare sulle Terme attraverso una progettualità concreta e con le idee chiare, come mai prima d’ora era stato fatto.
Con i fondi del Pnrr intercettati attraverso il Cis, si aggiunge un altro fondamentale tassello all’elenco dei progetti che il ministero ha ritenuto meritevoli di finanziamento, per un totale di oltre 50 milioni di euro, tra cui lo Smart Coast Network che vede Castellammare Comune capofila di un progetto che abbiamo condiviso con i Comuni della costiera sorrentina, con 8 milioni di euro a disposizione per la rinascita del nostro centro storico.
Con il Cis arrivano anche 6 milioni per la valorizzazione del Palazzo Reale di Quisisana, attraverso il restauro conservativo e l’illuminazione artistica della facciata e la riqualificazione del Parco botanico.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica