Seguici sui Social

Politica

Cimmino dynasty, eletto a Gragnano il fratello del sindaco di Castellammare

Ecco il nuovo consiglio comunale: Scotognella a 20 anni recordman con quasi mille preferenze

Pubblicato

il

Adesso chiamatela Cimmino Dinasty. Già, perché il sindaco di Castellammare è riuscito ad eleggere a Gragnano il fratello Michele. Con oltre 360 preferenze, il gioielliere stabiese noto alle cronache per una violenta rapina ai suoi danni (che gli fece incassare anche la solidarietà di Salvini) entra in consiglio comunale a sostegno del nuovo sindaco Nello D’Auria. La famiglia Cimmino a questo punto si espande anche nella vicina Gragnano, aumentando il peso specifico sul piano politico, anche in ottica elezioni per la città metropolitana.
Ci sono anche altri volti più o meno noti che faranno ingresso nel nuovo consiglio comunale. E’ una new entry assoluta quella di Catello Scotognella, 20enne alla prima candidatura che incassa quasi mille voti con la lista “Cambiamo!”. Due consiglieri a testa per le liste “Nello D’Auria Sindaco” e Gragnano Hub: Francesco Scala, Alfonso Elefante, Antonio Scala ed Edgardo Esposito.
Eletto anche Michele Cimmino, fratello del sindaco di Castellammare, con 361 preferenze per la lista “Oltre”. Ritorna in consiglio anche Giovanni Sorrentino con “Gragnano Popolare”, Salvatore Castrignano con “Insieme Democratico”, Andrea Gaudino con “Liberi e Forti per Gragnano” e Vincenzo Stile con “Officina Futuro”.
All’opposizione l’unica donna: Alessandra Polidori, moglie di Michele Inserra, eletta nella lista “Paolo Cimmino Sindaco” insieme ad Antonio D’Arco. Logicamente ci sarà in consiglio anche Paolo Cimmino, sindaco uscito sconfitto. Prima esperienza per Alfonso Cesarano con “Forza Gragnano”, nipote del capogruppo regionale di Forza Italia Annarita Patriarca. Per “Unione di Centro” eletto Mario Di Nola con oltre 600 preferenze (il più votato all’opposizione), riconferma per Antonio De Angelis eletto nella lista “Uniti per Gragnano”.

Alberto Cimmino


Politica

I commissari accelerano sui condoni edilizi, 4.000 pratiche inevase

Via libera al progetto di produttività per dare risposte ai cittadini

Pubblicato

il

I commissari accelerano sui condoni edilizi. Con una delibera di giunta, i tre reggenti di Palazzo Farnese hanno messo in piedi un progetto di produttività rivolto ai dipendenti dell’ente per evadere l’enorme mole di pratiche edilizie. Sono addirittura oltre 4mila le istanze in giacenza. La maggior parte di queste, circa 2.700 pratiche, non sono nemmeno state istruite. Mentre per la restante parte servono integrazioni e ulteriori verifiche. Un lavoro che la commissione chiede di svolgere non solo ai dipendenti dell’ufficio tecnico, che in ogni caso non sono sufficienti, ma anche ad impiegati di altri settori.

Tale progetto – come si legge nella delibera commissariale – prevede come obiettivo prioritario quello di concludere le istanze su cui pendono procedimenti oggetto di ordini di demolizione RESA disposti dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli – Ufficio Esecuzione Penale, nonché quelli oggetto di ordini di demolizione disposti dalla Procura della Repubblica di Torre Annunziata, al fine di dare risposte certe, nonché dare impulso all’attività tecnico amministrativa relativa alla definizione delle istanze di Condono edilizio giacenti presso l’Ufficio tecnico comunale.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA) NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com