Seguici sui Social

Politica

La proposta di Starace: «Un question time per i cittadini»

Gli stabiesi avrebbero la possibilità di presentare istanze e interrogazioni a sindaco e assessori

Pubblicato

il

la proposta di starace: «un question time per i cittadini»


Un question time per i cittadini. E’ la proposta del consigliere di opposizione, Michele Starace. In pratica, alla pari di un consigliere comunale, un comune cittadino avrebbe la possibilità di presentare istanze e interrogazioni direttamente al sindaco e agli assessori.

«ll Question time del cittadino è stato introdotto in diverse realtà comunali italiane per permettere una migliore interazione fra Cittadinanza e Amministrazione, nonché consentire l’accesso da parte della collettività a tutte le informazioni attinenti la vita della Pubblica Amministrazione» spiega Michele Starace.

«Già altri comuni si avvalgono del “Question time del cittadino” come strumento volto a favorire la partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica e amministrativa della comunità e, dall’altro, di consentire agli amministratori locali di venire a conoscenza delle proposte, rilievi e istanze provenienti dalla cittadinanza, si ritiene opportuno proporlo anche per la nostra Città – prosegue il consigliere di opposizione – Peraltro è stato rilevato che l’archivio online sul sito ufficiale del nostro Comune non è più accessibile limitando in questo modo un principio sacro per le pubbliche amministrazioni quale quello della Trasparenza. Quindi lo strumento del “Question time del cittadino” potrebbe essere un piccolo strumento per sopperire a questa mancanza. Inoltre tale strumento potrebbe anche essere utile per rendere partecipe la cittadinanza alla vita politica comunale considerato che per motivi sanitari si sta procedendo a svolgere i Consigli comunali a porte chiuse».


Politica

ELEZIONI | Berlusconi capolista a Napoli, Patriarca favorita all’uninominale. In FdI spunta De Angelis

Pubblicato

il

la proposta di starace: «un question time per i cittadini»

Berlusconi capolista a Napoli. E’ questa l’ultima indiscrezione che corre in Forza Italia a pochi giorni dalla presentazione delle liste. Ma nel gioco delle candidature non è ancora stato definito lo scacchiere sul piano locale. Nel collegio stabiese sembra aver preso di nuovo quota la candidatura di Annarita Patriarca, direttamente caldeggiata da Tajani, all’uninominale. Un’insidia potrebbe essere Antonio Milo se l’Udc dovesse spuntarla nell’indicare un candidato nel collegio stabiese-torrese. E continua a giocarsi una carta Nello Di Nardo per essere inserito nel listino plurinominale dietro a un big del partito.

In Fratelli d’Italia si allarga la pattuglia stabiese che tenta l’approdo in parlamento. Oltre a Luigi Bobbio, ex sindaco e parlamentare di An, ormai verso il collegio di Napoli, spunta anche la candidatura di Giovanni De Angelis, ex assessore proprio della giunta Bobbio. Quello di De Angelis è uno dei nomi degli aspiranti candidati approdati sul tavolo di Giorgia Meloni e di Francesco Lollobrigida. Mentre a Napoli i grandi favoriti sono Michele Schiano, Sergio Rastrelli, Marta Schifone, anche se destinata verso un collegio blindato forse in Lombardia.

La Lega dovrebbe puntare su Tina Donnarumma in una posizione utile nel listino bloccato. C’è da fare a sportellate con i big del carroccio napoletano, vale a dire Severino Nappi, Gianluca Cantalamessa e Pina Castiello.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica