Seguici sui Social

Politica

Castellammare, al via il lavori di restyling della scuola Postiglione

Il sindaco ingegnere inaugura l’opera


Pubblicato

il

Un progetto rifatto ex novo per recuperare fondi gettati al vento. Più di 3 milioni di euro intercettati per sbloccare un’opera attesa da un decennio. La consegna del cantiere per la realizzazione del nuovo polo scolastico ‘Karol Wojtyla’ di Postiglione segna un momento storico per la nostra città”. Così il sindaco di Castellammare di Stabia Gaetano Cimmino, presente questa mattina alla consegna del cantiere. 

“Un progetto partito da lontano, – ha continuato il primo cittadino – un progetto totalmente nuovo per rimediare agli errori procedurali del passato e persino alle somme sottratte all’intervento per finanziare altre opere. Un progetto che è stato premiato con 1 milione e 400mila euro dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e 530mila euro di incentivi del Gse, mentre 1 milione e 200mila euro provengono dal diverso utilizzo di un mutuo con la Cassa depositi e prestiti. Nessuno avrebbe scommesso su un risultato così prezioso per la città, raggiunto nonostante le difficoltà iniziali e oltre un anno di pandemia. Ma noi siamo riusciti a dare concretezza ad una meta che avevamo ben chiara sin dal primo giorno.

La testimonianza chiara della bontà del lavoro svolto dall’assessorato all’Urbanistica e da tutta l’amministrazione comunale, che ha messo in campo l’impegno, la professionalità e le competenze per intercettare fondi e rendere reale questo obiettivo, che avevamo espresso tra le priorità del nostro programma elettorale. Un obiettivo raggiunto grazie al confronto costante intrattenuto con il dirigente scolastico, i genitori del quartiere e tutta la squadra che ha lavorato per questo importante risultato.

Mai prima d’ora c’era stata tanta attenzione per il quartiere, che fra un anno potrà disporre di una scuola all’avanguardia a disposizione di centinaia di studenti e di famiglie. Abbiamo predisposto anche servizio gratuito di navette e scuolabus per consentire agli studenti un trasporto più agevole al vicino plesso di Moscarella durante i lavori in corso. La scuola rappresenta il nostro principale investimento per garantire il diritto allo studio ai nostri ragazzi e per costruire il presente e il futuro della nostra splendida città”. 


Continua a leggere

Politica

GRAGNANO | Aule pericolanti, il sindaco chiude una parte della scuola Roncalli

Nello D’Auria firma un’ordinanza per impedire l’utilizzo delle aule inagibili

Pubblicato

il


Aule pericolanti, il sindaco chiude parzialmente la scuola Roncalli. In seguito a un sopralluogo dei funzionari comunali presso il plesso scolastico “Roncalli” di via Croce, è emersa «la presenza diffusa di fenomeni di ossidazione delle armature delle strutture portanti verticali ed orizzontali (travi e pilastri), delle armature dei travetti dei solai con conseguente espulsione del copriferro e sfondellamento degli stessi, con rottura e distacco dei blocchi in laterizio, ed inoltre in alcune aule si è riscontrata la presenza di fenomeni di infiltrazione di acqua piovana provenienti dalla copertura, dove il manto bituminoso di protezione è in diverse parti ammalorato/danneggiato» si legge nel verbale di sopralluogo.
Per questo motivo il sindaco Nello D’Auria ha firmato un’ordinanza per interdire alcune zone del plesso, in particolare le aule numero 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7 – 8, il laboratorio primavera e l’aula magna” al piano terra, così come le aule numero 13 – 14 – 15 e il Laboratorio di informatica” al primo piano.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica