Seguici sui Social

Cronaca

Calmierare i prezzi dei tamponi, la richiesta in Consiglio

La consigliera comunale stabiese Maiello a sostegno della proposta di Diego Venanzoni in Regione Campania

Pubblicato

il

tamponi

Castellammare di Stabia. «Bisogna calmierare i prezzi dei tamponi». A dirlo è la consigliera comunale di Castellammare di Stabia, Annamaria Maiello, sostenendo la proposta del consigliere regionale Diego Venanzoni che ha fatto sapere di chiedere un intervento della Regione Campania affichè venga calmierato il prezzo dei test molecolari che ad oggi «forniscono i risultati realmente più attendibili ma che prevedono un costo di 50-60 euro, non rimborsabili neanche in parte mediante ticket». Maiello interviene sulla vicenda anche alla luce dell’enorme diffusione del contagio in città che ha superato i 3mila positivi negli ultimi giorni.

«Occorre – dice la consigliera – calmierare il prezzo di tali tamponi molecolari, così come ha fatto lo Stato per il prezzo di vendita delle mascherine FFP2 su tutto il territorio nazionale, molto più sicure di quelle chirurgiche al momento diffusamente utilizzate dalla popolazione. E’ una richiesta che andrebbe ampiamente sostenuta anche nelle sedi istituzionali decentrate, come dice lo stesso Venanzoni, “per aiutare le famiglie in un momento di grave crisi, anche economica”. Tenendo presente anche che le esigenze di profilassi differiscono da regione a regione, sarebbe utile favorire in ogni modo possibile la sicurezza in una regione così densamente popolata come la nostra».


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Supplemento digitale www.notiziesera.com Reg. N° 16/2020 presso il Tribunale di Napoli – N° iscrizione ROC: 36402 Editore GLAMOUR STUDIO di Ciro Serrapica Direttore Ciro Serrapica - via Rajola 80053 Castellammare di Stabia (NA)
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica. WhatsApp: 334 742 3557 | email: stabianews.it@gmail.com