Seguici sui Social

Cronaca

Castellammare, il CSA scrive al Commissario: «La nostra organizzazione sindacale ostacolata, garantire la presenza di tutti i sindacati ai tavoli»

La denuncia del Sindacato CSA: «Noi ostacolati, chiediamo intervento del Commissario»

Pubblicato

il

Castellammare

Castellammare di Stabia. «Continua il comportamento ostativo nei confronti della nostra organizzazione sindacale». E’ l’accusa di Emilio Pagano, rappresentante territoriale per la sigla CSA (Coordinamento Sindacale Autonomo) che interviene in merito ad un incontro sindacale in merito all’orario di servizio del personale della Scuola Carducci in programma questa mattina. Un incontro al quale non sarebbe pervenuta convocazione al CSA. Pagano quindi ha scritto al Commissario Prefettizio, Cannizzaro, chiedendo di intervenire e di «avviare subito le dovute verifiche e di garantire la presenza a tutti i tavoli di tutte le organizzazioni sindacali per il quale vige l’obbligo di convocazione». Inoltre, fa sapere Pagano che «non è la prima volta che assistiamo a questa metodologia». Nella nota Pagano si appella al Dirigente del Settore Servizi al Cittadino invitandolo e diffidandolo «ad astenersi ad avviare qualsiasi riunione ed incontro per il quale vige l’obbligo di convocazione delle organizzazioni sindacali firmatarie di contratto nazionale».

Il CSA aveva già segnalato ai dirigenti e all’allora Sindaco Cimmino di non aver mai ricevuto alcuna informazione in merito all’articolazione oraria applicata al personale delle scuole né di aver ricevuto convocazione per la procedura di concertazione (“confronto” dal vigente CCNL) per l’attuazione del calendario scolastico e che tale fattispecie aveva impedito ad un’organizzazione sindacale firmataria di contratto nazionale di sedersi ai tavoli deputati alla risoluzione delle tante problematiche che investono il mondo della scuola, di svolgere il ruolo riconosciutogli dalle normative e di poter verificare la corretta applicazione del contratto nazionale e territoriale


Clicca per commentare

Rispondi

Cronaca

Domani allerta meteo, forti temporali e rischio frane

Pubblicato

il

Meteo-

La Protezione Civile della Regione, ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali anche di forte intensità su tutta la Campania  dalle 6 di domani mattina, domenica 25 settembre, alle 6 di lunedì 26 settembre, su tutta la Campania.

Il livello di criticità idrogeologica e Idraulica è:

 Arancione sui settori centro-settentrionali e, in particolare, sulle zone 1, 2, 3 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Alto Volturno e Matese; Penisola Sorrentino-Amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini) con temporali di forte intensità e un conseguente rischio idraulico e idrogeologico diffuso anche con possibili frane, colate rapide di fango, caduta massi, instabilità di versante, allagamenti, voragini.

Giallo su tutto il resto della regione, ma con temporali che in ogni caso potrebbero essere intensi e un conseguente rischio idrogeologico localizzato con possibili frane e caduta massi in territori particolarmente fragili, possibili allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.

La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda agli enti competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni previsti in ordine al rischio idrogeologico per forti temporali, in linea con i rispettivi Piani comunali.

Si segnala altresì la possibilità di fulmini.  Prestare attenzione ai successivi avvisi della Protezione Civile.

Continua a leggere

Trending

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Cambia impostazioni per la privacy