Seguici sui Social

Politica

Il super-Prefetto Cannizzaro: “Cacceremo la camorra dal palazzo e faremo ripartire la città”

Il commissario antimafia annuncia opere per il Savorito e per la videosorveglianza. Primo obiettivo: “Ordine e sicurezza”

Pubblicato

il



Alla guida della commissione straordinaria che dopo lo scioglimento del consiglio comunale di Castellammare di Stabia per infiltrazioni della criminalità organizzata gestirà per 18 mesi il comune, il prefetto Raffaele Cannizzaro è certo che la gestione commissariale velocizzerà procedimenti in corso prima dello scioglimento e avrà nel complesso effetti positivi sulla cosa pubblica locale.

La prima decisione ad essere adottata, spiega nell’intervista pubblicata oggi sul quotidiano Il Mattino-Napoli, «riguarderà proprio un progetto chiave per un quartiere altamente degradato come il Savorito», per il quale «il ministero delle Infrastrutture ha messo a disposizione 15 milioni di fondi PinQua (Programma nazionale della qualità dell’abitare) non solo per il rifacimento delle infrastrutture ma anche per le abitazioni: sappiamo che è solo un terzo di quello che occorrerebbe. Ma faremo in modo che l’opera avanzi».

«Obiettivo primario saranno l’ordine e la sicurezza, con il ripristino della videosorveglianza», prosegue il prefetto Cannizzaro, per poi passare a curare «le patologie» che hanno portato allo scioglimento dell’ente. Sul tavolo «avremo centinaia di argomenti», è consapevole il prefetto, che assicura: «Faremo partire tutto ciò che è cantierabile, mettere in piazza denaro pubblico significherà anche aiutare l’economia. Cercheremo di eliminare tutto ciò che ha compresso la realtà sociale ed economica».

Alla domanda relativa a cosa bisogna fare perché un’amministrazione pubblica si liberi una volta per tutte dalle infiltrazioni mafiose, il commissario prefettizio risponde: «È chiaro che prima di tutto bisogna ricreare le condizioni per cui un candidato sospetto non venga proposto».

«Noi faremo quanto in nostro potere», assicura, senza dimenticare che «spetta alla società civile fare il resto». In quest’ottica si inserisce un altro altro tema importante per la gestione commissariale, che è il dialogo con la comunità locale, con la città: «In quale forma e con chi, come e quando farlo lo capiremo dopo aver approfondito la nostra conoscenza. Ma che ci debba essere è sicuro».


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Politica

La Lega incontra il commissario e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino

Il partito di Salvini anticipa tutti e si infila a Palazzo Farnese: “Pronto un piano sicurezza per la città”

Pubblicato

il


E’ il primo partito a incontrare la commissione prefettizia. La Lega mette la prima bandierina e si candida a guidare il centrodestra del dopo-Cimmino. Questa mattina il partito di Salvini è stato ricevuto dal vice commissario Passerotti, a Palazzo Farnese. Una rappresentanza formata dal segretario cittadino Casimiro Donnarumma, la segretaria provinciale Tina Donnarumma, l’ex funzionario comunale Franco Ilardi e l’ex consigliere comunale Antonio Alfano.

“Abbiamo evidenziato alcune problematiche quali sicurezza del territorio, viabilità, piano traffico, implementazione parcheggi, turismo e decoro urbano – annuncia Casimiro Donnarumma – Abbiamo ricevuto un fattivo riscontro, a margine del confronto la Commissione ha dichiarato che sarebbe in dirittura di arrivo la presentazione, l’approvazione e l’applicazione di un piano di sicurezza della città con nuove ed innovative tecniche di video sorveglianza”.

Daniele Di Martino

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica