Seguici sui Social

Cronaca

Ritorna il maltempo in Campania, allerta meteo per pioggia e vento

Diramato bollettino di allerta meteo dalle 15 di oggi e fino a domani pomeriggio

Pubblicato

il

Pioggia-Generico


La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo per piogge e temporali, venti forti e mareggiate con criticità idrogeologica di livello giallo valido a partire dalle ore 15 di oggi, mercoledì 6 aprile, fino alle 15 di domani, giovedì 7 aprile su tutto il territorio regionale ad esclusione delle zone 4 (Alta Irpinia e Sannio) e 7 (Tanagro). Si prevedono “precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o locale temporale, puntualmente di moderata intensità, in graduale attenuazione dalla mattinata” e “venti forti nord-occidentali, soprattutto dalla serata odierna e mare localmente agitato, soprattutto lungo le coste esposte”.

I venti insisteranno su tutta la regione ad esclusione, oltre che delle zone 4 e 7 anche della zona 2 (Alto Volturno e Matese) dove vige comunque l’allerta gialla ma temporali e precipitazioni non saranno accompagnati da vento forte. La Protezione Civile della Regione Campania raccomanda alle autorità competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni di dissesto idrogeologico e di monitorare il verde pubblico nonché le strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso, anche in linea con i rispettivi piani comunali. Tra i possibili fenomeni di impatto al suolo delle precipitazioni, nelle zone in cui è in vigore l’allerta gialla si citano allagamenti, frane, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua.


Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Finto sacerdote denunciato nel vesuviano

Pregiudicato 65enne beccato mentre chiede soldi per una finta associazione di beneficenza

Pubblicato

il

sacerdote

Ottaviano, Napoli. I carabinieri della Stazione di Ottaviano hanno denunciato a piede libero un pregiudicato 65enne che dovrà rispondere di sostituzione di persona e truffa. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, si era travestito da sacerdote e prima dell’inizio della celebrazione della messa si è avvicinato all’esterno della chiesa a diversi fedeli mostrando loro un bigliettino di un’associazione no profit chiedendo un sostegno economico.

La scena è stata notata dai militari dell’arma presenti in piazza San Giovanni domenica mattina nell’ambito di un normale servizio di controllo del territorio e si sono accorti che l’uomo non era il sacerdote della chiesa cittadina ed hanno quindi deciso di approfondire la vicenda. E’ poi emerso che l’uomo non era un sacerdote bensì un pregiudicato della zona e che l’associazione per la quale chiedeva sostegno economico era inesistente. Perquisita la sua autovettura parcheggiata poco distante dalla chiesa i carabinieri trovano e sequestrano diversi capi d’abbigliamento ecclesiastici ed altri bigliettini che recano anche un codice Iban. Rinvenuta e sequestrata anche documentazione attestante l’associazione. L’uomo è stato denunciato a piede libero e sono in corso accertamenti volti a verificare l’effettiva esistenza della Onlus.

Continua a leggere

Trending

Cambia le impostazioni per la privacy settings

StabiaNews.it di Emilio D’Averio - Supplemento Digitale OnlineMagazine.it
Testata Giornalistica Online registrata al Tribunale di Torre Annunziata (NA) con Reg. N. 01/2017
Editore e Direttore Responsabile: Emilio D'Averio - P. IVA 09784451214
PEC: daverioemilio@pec.it
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica